.
Annunci online

comitato14ottobredellaprovinciadifoggia [ www.pdfoggia.it ]
 



31 agosto 2007


Summa, no alle esibizioni muscolari

L’assessore provinciale Antonello Summa, esponente di primo piano dei Democratici di Sinistra, riflette sulle candidature di Walter Veltroni e Michele Emiliano, giudicandole quelle più capaci «di incarnare valori politici e idee programmatiche altrettanto forti». Considera importanti il discorso di Veltroni al Lingotto così come il documento di Pierluigi Bersani che, in Puglia, ha tra i sottoscrittori Michele Bordo e Enzo Lavarra. Ma Summa svolge anche alcune considerazioni critiche sulla «penetrazione del progetto del Partito Democratico nella società cerignolana, foggiana, pugliese e nazionale» e dice no all’«esibizione muscolare».

Il partito nuovo non è un nuovo partito

di ANTONELLO SUMMA

Il mio auspicio è che il 14 ottobre si mostri in tutta la sua bellezza l’entusiasmo per la costruzione del Partito Democratico; e che, sperabilmente, ciò coincida con un’ampia convergenza dei consensi su Walter Veltroni e Michele Emiliano. Non per voglia di unanimismo, né per tensione centralistica; bensì a seguito di una valutazione razionale: è opportuna una leadership forte, perché meglio capace di incarnare valori politici e idee programmatiche altrettanto forti.
Il partito nuovo che si va costruendo si rintraccia nel corposo e rinfrancante discorso di Walter Veltroni al Lingotto, come nello scarno e rigoroso documento di Pierluigi Bersani o come, ancora, nella sollecitazione al dibattito proveniente, tra gli altri, da Michele Bordo ed Enzo Lavarra.
Elaborati politici che in comune hanno molto, a partire dal tema della responsabilità. Solo assumendo in pieno la responsabilità del proprio agire, politico, amministrativo o civico che sia, si può pensare di prosciugare lo stagno dell’antipolitica o, come afferma Bersani, attivare «una nuova stagione di civismo».
L’ancoraggio ai valori cardine della sinistra democratica e popolare – il lavoro e la democrazia – è determinante per realizzare l’equità sostanziale invece dell’egualitarismo di facciata, per ampliare l’orizzonte dei diritti di cittadinanza oggi limitato dall’individualismo diffuso, per concretizzare un’efficace azione amministrativa fondata sul decentramento federale e la sussidiarietà operativa.
Il richiamo ai documenti citati mi solleva dalla redazione di una loro sintesi, ciò non di meno ritengo opportuno richiamarne alcuni argomenti.
A partire dalla spinta ideale a risolvere il problema delle differenze di genere, innanzitutto quelle che attengono alla sfera del lavoro. Proprio in Capitanata, su questo tema, è necessario uno sforzo di elaborazione maggiore, con l’obiettivo di favorire un’effettiva conciliazione dei tempi di lavoro e di cura attraverso l’offerta di servizi disancorata dall’esclusivo parametro del reddito: gli asili nido sono più utili alle donne che lavorano, dunque che producono reddito, piuttosto che alle donne impegnate esclusivamente nella cura della famiglia.
Un’accelerazione del confronto risolutivo si impone anche sul tema della legalità diffusa, che non può più essere oscurato dall’opportunismo elettoralistico o dal pietismo pseudoumanitario.
La sostenibilità finanziaria dello stato sociale, da quello centrale a quello comunale, è un principio da assumere come ineludibile nella costruzione del nuovo welfare, se vogliamo evitare di perpetuare sistemi di clientelismo assistenzialista poco dignitosi e del tutto inefficaci.
La relazione tra promozione dello sviluppo e sostenibilità ambientale deve trasformarsi in opportunità di crescita e non in contrapposizione tra fondamentalismi.
Per portare a sintesi politica e programmatica questi e gli altri, tanti temi sollevati in questi mesi di confronto e dibattito, la capacità del leader, lo ribadisco, sarà un elemento discriminante.
Una ragione necessaria per il governo del processo di costituzione del Partito Democratico, ma non sufficiente per la penetrazione del progetto del Partito Democratico nella società cerignolana, foggiana, pugliese e nazionale.
Se le primarie si dovessero trasformare esclusivamente in un’esibizione muscolare, il fallimento sarebbe annunciato.
Questa è la tentazione che in periferia, in molte periferie sta cogliendo alcuni tra quanti partecipano a questa esaltante avventura: quelli che sottovalutano la differenza esistente tra un partito nuovo ed un nuovo partito.
Un partito è nuovo quando offre risposte agli esclusi; non se riserva spazi a chi è già più che rappresentato.
Un partito è nuovo quando rintraccia ed apre spazi di democrazia; non quando elabora tesi ad personam.
Un partito è nuovo quando comprende e favorisce il dispiegamento degli effetti rivoluzionari delle primarie; non se cerca di trasformarle in un ipocrita rituale pseudodemocratico.
Con molta modestia, invito chi fosse colto dalla tentazione di costruire un nuovo partito a non sottovalutare l’impatto culturale delle primarie. Proprio in Puglia abbiamo maturato un’esperienza che dovrebbe indurci ad avere il massimo rispetto ed ancor più attenzione verso i cittadini che accompagnano e sostengono la nascita del partito nuovo. Ritenere di essere al riparo dagli effetti di un simile meccanismo di selezione, perché sostenuti da questo o quel gruppo dirigente, è da presuntuosi.
Come presuntuosi corrono il rischio di essere e diventare quanti fossero colti da un’altra tentazione: svilire le primarie al misero ruolo di referendum su questo o quel sindaco, questo o quel parlamentare, questo o quel consigliere comunale. Non c’è, non ci può e non ci deve essere relazione alcuna tra il voto del 14 ottobre e il futuro degli enti amministrati dal centrosinistra. È bene affermarlo con chiarezza; bene faremmo tutti noi ad affermarlo con costante chiarezza in ogni occasione utile.
Ammainare la bandiera della presunzione è indispensabile anche per evitare il rischio di un’altra scissione. L’esperienza provocata dalla nascita di Sinistra democratica è stata, politicamente ed umanamente, uno degli eventi più drammatici vissuti dal partito in cui mi onoro di militare da tanti anni. Un evento del genere non può e non deve ripetersi; anzi: uno dei compiti primari del partito nuovo, e di chi lavora alla sua costruzione, è dispiegare per intero la capacità attrattiva di valori e ideali comuni con chi, appena ieri, mostrava contrarietà verso la "fusione fredda" ed oggi potrebbe scaldarsi con l’entusiasmo di tantissimi.
In queste righe ho provato a sintetizzare il mio modesto contributo alla costruzione del partito nuovo, che si aggiunge a quelli anonimi ed altrettanto importanti di tanti giovani, donne, lavoratori, imprenditori, uomini di cultura i quali rappresentano il motore civico della nostra società e non certo un corpo separato dalla politica e dai politici.

sfoglia            settembre
 
rubriche
DOCUMENTI
SEGNALAZIONI
DALLE 64 CITTA'
COMITATO "14 OTTOBRE" DELLA PROVINCIA DI FOGGIA
NOTIZIE
PARLAMENTI
I CANDIDATI NEI 6 COLLEGI FOGGIANI

cose
Ultime cose

Il mio profilo
da vedere
PICCOLO VADEMECUM
Ulivo - Verso il Partito Democratico
Democratici di Sinistra
La Margherita
La Margherita di Puglia
Democratici di Sinistra di Puglia
Democratici di Sinistra di Foggia
Walter Veltroni
Rosy Bindi
Enrico Letta
Mario Adinolfi
PierGiorgio Gawronski
Sinistra Ecologista
Libertà e Giustizia
Cittadini per l'Ulivo
Associazione per il Partito Democratico
Il sito delle primarie
Ecologisti per l'Ulivo
Italia di Mezzo
Alleanza dei Riformisti
Progetto Sardegna
Partito Democratico Meridionale
Le Democratiche
Centro Formazione Politica
cerca
me l'avete letto 115758 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom