.
Annunci online

comitato14ottobredellaprovinciadifoggia [ www.pdfoggia.it ]
 



2 ottobre 2007


Emiliano, le liste bloccate per il Pd sono una garanzia contro i pacchetti di voti

«Veltroni è il leader che acrà il compito di riportare il centrosinistra in sella. Veltroni dovrà costruire un luogo della politica, non solo un partito, che tenga insieme il popolo italiano e lo rappresenti. Nessuno oggi rappresenta i veri sentimenti del popolo italiano e questo può farlo bene proprio Veltroni». Michele Emiliano (nella foto), candidato alla segreteria regionale del Partito Democratico, parla alla vigilia dell’appuntamento barese del sindaco di Roma dalle colonne del “Nuovo Quotidiano di Puglia”, intervistato questa mattina da Lino De Mattis.
«Credo che in Puglia il Pd sia nato qualche anno fa, con le candidature in alcune amministrazioni di personalità della società civile, come alle Province di Lecce e Foggia, con Pellegrino e Stallone, e come è successo con la mia elezione a sindaco di Bari –prosegue Emiliano-. Una vicenda ormai leggendaria, perché in una sola tornata elettorale il 36% dell’elettorato barese si è spostato da destra a sinistra, mettendo le premesse perché vincesse anche Vendola alla Regione».
Il sindaco di Bari è prudente circa le previsioni sulla partecipazione al voto del 14 ottobre: «Non possiamo fare paragoni con le precedenti primarie per il candidato alla Regione, quando parteciò tutta l’Unione –dice Emiliano-. Qui andranno a votare tendenzialmente gli esponenti di Ds e Margherita, che commati credo non superino il 30% dell’elettorato pugliese. Naturalmente non ci aspettiamo che tutti gli elettori dei due partiti vadano a votare».
Spazio anche a una riflessione sulle liste bloccate delle primarie, che hanno fatto paragonare il sistema elettorale per le assemblee costituenti del Pd, al “porcellum” berlusconiano. «Non confondiamo, sono due cose diverse –spiega Emiliano-. Per noi le liste bloccate servono per garantire l’elezione delle donne e soprattutto a garantire dai singoli soggetti che possedendo un pacchetto di voti poi pretendono di influenzare tutti».


27 settembre 2007


Mazzarano, obiettivo 150mila elettori alle primarie in Puglia

«Il nostro obiettivo è arrivare a 150mila elettori»: così il segretario regionale dei Democratici di Sinistra, Michele Mazzarano (nella foto) in un’intervista a La Gazzetta del Mezzogiorno di ieri. Mazzarano calcola che «la composizione delle liste dice quanto grande sia il fermento e la voglia di partecipazione», rispetto all’appuntamento di domenica 14 ottobre con le primarie del Partito Democratico. «Vorrei ricordare solo due dati –prosegue il segretario regionale dei Ds-: i candidati in Puglia sono quasi duemila e le firme raccolte a sostegno delle candidature sono state più di 30mila. Credo che questa sia la base per lavorare ad una intensa mobilitazione che potrà avere come obiettivo la partecipazione di 150mila elettori».


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. partito democratico puglia

permalink | inviato da pdfoggia il 27/9/2007 alle 2:2 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


17 settembre 2007


Consiglieri e assessori a favore della lista “Riformisti per Veltroni”

I consiglieri regionali Vito Bonasora (eletto con l’Italia dei Valori), Pino Romano (Ds) e Sergio Povia (Ds), gli assessori regionali Guglielmo Minervini (Margherita), Francesco Saponaro (Ds) e Alberto Tedesco (Socialisti autonomisti), ritratti nelle foto da sinistra a destra, dall’alto in basso, hanno firmato e diffuso la seguente nota, assieme all’avvocato Gianni Di Cagno:
«La lista Riformisti per Veltroni sosterrà in Puglia le candidature di Walter Veltroni a segretario nazionale e di Michele Emiliano a segretario regionale del Partito Democratico. Ad oggi, Riformisti per Veltroni, si presenta come l’unica lista pugliese in cui si ritrovano tutte le culture politiche che concorrono alla costruzione del PD e in cui, dunque, si realizza appieno quella contaminazione tra valori che rappresenta l’essenza stessa del nuovo partito.
Riformisti per Veltroni intende contribuire al processo di costruzione del PD qualificando le proprie liste con la partecipazione di esponenti della citadinanza attiva e delle giovani generazioni, anche al fine di innovare il rapporto tra politica e cittadini e di allargare le modalità di selezione della classe dirigente».


11 settembre 2007


D’Alema candidato in Puglia per Veltroni ed Emiliano

Massimo D’Alema (nella foto) sarà candidato in Puglia, alle primarie del 14 ottobre, nel collegio numero 20 di Bari. «Io sarò candidato per essere un componente dell’assemblea nazionale costituente del Partito Democratico», ha annunciato ieri a margine di una iniziativa della Uil alla Fiera del Levante. «Ho accolto volentieri l'invito che mi è stato rivolto –ha proseguito– anche perché sono stato, sempre e solo, candidato in Puglia. Sostengo la candidatura di Michele Emiliano a segretario del PD in Puglia e di Walter Veltroni a segretario nazionale, mi metto a disposizione»
Sulla questione della guida del nascente Pd pugliese, D’Alema ha aggiunto: «Per chi come me ha legato tutta la sua vita ad una attività di partito, sapere che Michele Emiliano, che è stato un campione della società civile e che come tale ha conquistato il governo della città di Bari, voglia misurarsi con l’impegno di dirigere un partito è una vera soddisfazione». Secondo D’Alema, questa candidatura sta a dimostrare che «la parte migliore della società civile si rende conto che i partiti sono necessari e certamente i partiti saranno migliori se le maggiori personalità si impegneranno a rinnovarli e a costruirli».



11 settembre 2007


I Socialisti Autonomisti Gino Marino e Nino Abate nel Comitato provinciale “14 Ottobre”

I Socialisti Autonomisti entrano nel Comitato “14 Ottobre” della provincia di Foggia con il segretario provinciale Gino Marino (foto a destra) e il componente del direttivo provinciale Nino Abate (foto a sinistra). La decisione è stata formalizzata da uno dei coordinatori del Comitato provinciale, Michele Galante, che ne ha integrato la composizione, salutandone l’ingresso come «un fatto importantissimo in Puglia e in Capitanata, dove l’area socialista ha una storia e un radicamento storico e tuttora significativo»

La Federazione provinciale dei Socialisti autonomisti, mercoledì 5 settembre scorso, aveva deciso di aderire al processo costituente del Partito Democratico, ritenendolo teso «alla innovazione della politica italiana, alla semplificazione del sistema dei partiti ed alla costruzione di un partito nuovo, riformista, capace di interpretare il bisogno di governo del paese, i nuovi diritti dei cittadini, le speranze e i talenti dei giovani e delle donne, le risorse morali, culturali e ambientali del Mezzogiorno e dell’intero Paese». Nel documento di adesione, i Socialisti Autonomisti hanno «preso atto della volontà, sottolineata dal sindaco di Roma, Walter Veltroni, nel suo intervento al Lingotto di Torino, di non far mancare il riferimento al socialismo europeo ed all’esperienza italiana del riformismo socialista per l’attuazione del processo costituente del Partito democratico».

Fra i principali collaboratori del leader pugliese, l’assessore regionale alle Politiche della Salute, Alberto Tedesco, Gino Marino è stato eletto segretario provinciale il 18 novembre 2006 in occasione del primo congresso dei Socialisti Autonomisti della provincia di Foggia.
Nino Abate, giornalista e responsabile dell’Ufficio stampa del Policlinico “Ospedali Riuniti” di Foggia, è anche Direttore dell’Ufficio Comunicazioni sociali dell’Arcidiocesi di Foggia-Bovino.


11 settembre 2007


La "Carta delle Idee" proposta da Elena Gentile

L'assessore regionale Elena Gentile (nella foto) scrive al Comitato "14 Ottobre" della provincia di Foggia e propone una "Carta delle Idee" sul Partito Democratico. Di seguito il testo della lettera e del documento elaborato.

Carissime e Carissimi,
la straordinaria esperienza vissuta sia in occasione della lunga ma feconda procedura di approvazione del testo unico regionale sulle politiche sociali e della famiglia, sia in quella per l’approvazione del DDL regionale sulle politiche di genere e conciliazione vita/lavoro, lo confesso, mi avevano persuasa che – almeno in Puglia – la nascita del Partito Democratico non avrebbe subito un travaglio molto faticoso. In questa Regione, infatti, il rapporto fra i due maggiori protagonisti del Partito Nuovo – Democratici di Sinistra e Margherita – mostrava già “in nuce” la concreta fattibilità del progetto.
Tuttavia in molti nelle ultime settimane, ed io stessa in un intervento sul Corriere del Mezzogiorno del 13 agosto u.s., hanno rilevato che manca ancora un confronto aperto e alto sulle sfide e sulle idee nuove che il PD dovrà fare proprie per rivolgere la sua stessa ragion d'essere a rendere migliore la comunità pugliese. Ovviamente nell'alveo del manifesto e della piattaforma nazionale, ma non senza confrontarci anche sulle specificità regionali.
Saremo impegnati nelle prossime settimane non a cercare consensi su qualcosa di predeterminato, ma a costruire consensi su una piattaforma di idee e proposte, di principi e di impegni che sarà vicina alla gente e costruita insieme alla gente.
E’ su questo piano che vorrei lanciare la sfida di un laboratorio pugliese: sarebbe paradossale, peraltro, che proprio in Puglia si perdesse questa sfida. Una regione in cui il centrosinistra sta dando prova, con il suo governo regionale, e non solo, di sapere incidere per cambiare il corso delle cose. E questo, per il tramite di leadership forti coniugate con il saper fare e saper essere e agire di tanti e tante pugliesi. In questo modo, io credo, siamo riusciti a costruire una Regione che sa conciliare la sua crescita economica con l’attenzione agli ultimi in termini di pari opportunità per tutti e di politiche economiche, urbanistiche, sociali e culturali capaci di una autentica rigenerazione del tessuto sociale e produttivo delle nostre città e dei nostri territori.
La Carta delle Idee e dei Valori per il PD in Puglia rappresenta un primo contributo, auspico stimolante, per la fase che comincerà nei prossimi giorni, all'indomani della formalizzazione delle candidature a Segretario Regionale del PD e che si riconoscono nella candidatura nazionale di Walter Veltroni, di discussione e confronto sulle sfide da raccogliere e su cui chiamare le donne e gli uomini di Puglia a partecipare, ad esserci e a contribuire alla costruzione di un Partito nuovo.
Vi propongo questa Carta come base di discussione, che nei diversi territori e gruppi di persone potrà animare le iniziative delle prossime settimane, insieme ai contenuti del Manifesto nazionale, e che potrà arricchirsi fino al 14 ottobre, per diventare il Manifesto del PD in Puglia.
Vi chiedo, se ne condividete obiettivi e contenuti, di divulgarla e di sottoscrivere e far sottoscrivere la Carta perchè assuma ancora più forza ed evidenza il movimento di donne e di uomini che lavorano per il PD pugliese e per arricchire anche dalla Puglia le proposte che sostengono il percorso avviato a livello nazionale da Walter Veltroni.
Grazie e Buon lavoro a tutte e a tutti!
Elena Gentile

La “CARTA DELLE IDEE” per il PARTITO NUOVO al servizio di una PUGLIA MIGLIORE Diritti, idee giovani e pari opportunità per una società moderna e possibile, inclusiva e giusta

Il PD per la Puglia
Costruire una Puglia migliore è la sfida che il governo regionale di centrosinistra ha raccolto nell’aprile 2005 ed è la sfida a cui il Partito Democratico può e deve portare un contributo importante e decisivo, in termini di idee e proposte forti, condivise, sostenute da un una maggiore coesione e dalla capacità di rappresentare fasce sempre più ampie di cittadine e di cittadini pugliesi.
In questa Regione, peraltro, il rapporto fra i due maggiori protagonisti del Partito Nuovo – Democratici di Sinistra e Margherita – mostrava già “in nuce” la concreta fattibilità del progetto.
Di più. Sono stati anche sperimentati – efficacemente e proficuamente – alcuni dei principi base del Partito Nuovo quali, fra gli altri, il coinvolgimento democratico dei cittadini nei processi di assunzione delle decisioni, la capacità di prevenire i problemi piuttosto che curarli con l’esercizio deleterio del sottogoverno e della raccomandazione, la dimostrazione che rendere esigibili e universali i diritti, anche aumentandone la platea, era un esercizio democratico possibile.
Non per caso, peraltro, la produzione normativa pugliese e le pratiche politiche e istituzionali sperimentate erano state definite da più parti come un esempio per tutto il Paese.
Orbene, a fronte di presupposti così incoraggianti, il dibattito che ha segnato la prima parte della fase costituente del Partito Nuovo in Puglia si è incentrato tutto sulle possibili leadership, e la rappresentazione che ne stanno dando gli organi di informazione, rischiano per un verso di oscurare l’obiettivo principe del Partito Democratico, vale a dire il rinnovamento con nuove idee e programmi della politica e delle sue pratiche, delle istituzioni e delle azioni di governo, per l’altro di allontanare piuttosto che avvicinare quanti alla nuova esperienza pensano con interesse.
Nasce di qui l’idea di questo documento, con l’auspicio che – almeno in parte – possa supplire all’esigenza che da tanta parte del popolo pugliese viene espressa in ordine ai contenuti del Partito Nuovo. E, per questa via, contribuire alla riscoperta del ruolo della politica e dei partiti come valore insostituibile di una società moderna e autenticamente democratica.
A questo fine, e contro il cancro dell’antipolitica, il Partito Democratico può e deve portare un contributo importante in termini di idee e proposte forti e condivise, nonché capaci di rappresentare fasce sempre più ampie di cittadine e di cittadini pugliesi.
Nel solco descritto il PD pugliese sarà un Partito Nuovo a misura che riuscirà a mettere al centro della sua azione politica e programmatica i diritti delle persone e gli interessi generali.
Se con un linguaggio semplice e diretto saprà fare sintesi e comunicare proposte strategiche capaci sia di raccogliere la sfida della modernità, della crescita equa e della laicità nel governo della comunità regionale, sia di esplicitare un’idea di progresso unificante e giusta, tale da saper coniugare la libertà dal bisogno con quella di agire.
Per questo riteniamo necessario contribuire alla costruzione delle basi del futuro Partito Democratico Pugliese muovendo da un insieme di valori, diritti e opportunità.
Un quadro, che sia capace di rispecchiarsi nei volti e nelle vite dei cittadini pugliesi, e ispirare obiettivi programmatici e percorsi operativi tali da migliorare le condizioni di vita delle comunità locali, promuovere la crescita economica e l’innovazione tecnologica in stretta sintonia con i valori di giustizia sociale, di pari opportunità per tutti e di equità.
Ciò, come già detto, ancor più perché in questi due anni la Puglia è già riuscita a sfidare sul terreno delle politiche innovative e delle scelte di campo in ambiti importanti il contesto nazionale, dando prova di un Sud che può suggerire soluzioni, che smette di piangersi addosso, che può segnare i tempi di una crescita nuova e, in questo modo, unirsi alle altre Regioni italiane senza marcarne solo le differenze in negativo.

La Carta dei valori e delle idee per la Puglia
La “Carta dei valori e delle idee per la Puglia” è una sfida sul terreno dell’analisi dei bisogni e delle proposte programmatiche che, ne siamo certi, i futuri gruppi dirigenti vorranno raccogliere. In modo da aggregare cittadini e addetti ai lavori intorno ad un esercizio alto e apertamente democratico, quindi partecipato e non autoreferenziale, di “fondazione” del PD pugliese.
Quello che proponiamo è un “manifesto” regionale che, fuori dai luoghi comuni e dagli slogan buoni per tutte le stagioni, fotografi le grandi questioni da cui dipende la svolta e il definitivo salto di qualità della nostra Puglia.
Insomma, non solo una piattaforma programmatica ma una “carta” degli impegni e delle idee, dei valori e dei metodi, dei problemi e delle soluzioni, che veda tutti gli aderenti al futuro Partito Democratico impegnati nella sua realizzazione.
E, nel contempo, un percorso possibile per assicurare migliori condizioni di vita per tutti, la esigibilità concreta di diritti non più derogabili, la accessibilità per ciascuno delle opportunità di crescita e di benessere, la realizzazione di una società pugliese capace di coniugare coesione e mobilità sociale.
Non di nuove morali o di scontri di religione abbiamo bisogno ma di un partito laico e rispettoso delle culture e delle storie di tutti, capace di fatti e non di dichiarazioni, che decida insieme e non imponga dall’alto approcci e decisioni lontani dalla realtà.
Un Partito in cui la stessa partecipazione abbandoni le liturgie della autoreferenzialità e schivi i rischi della demagogia senza decisione per diventare essa stessa occasione di formazione ad una politica finalmente capace di recuperare il senso degli interessi generali.
Una Carta, quindi, quella che proponiamo, che almeno nelle intenzioni e negli auspici intende rappresentare la rete degli interessi diffusi di cittadine e cittadini che vogliono sentirsi protagonisti del partito che sarà: il partito delle persone e dei loro diritti, del merito e delle pari opportunità, della partecipazione e delle idee giovani (che appartengono ai generi e a tutte le generazioni).
Un partito consapevole che senza coraggio non si può costruire futuro, non si possono realizzare aspirazioni, non si può produrre cambiamento giusto e duraturo.
Una Carta che propone decisive scelte di campo in pochi ma essenziali punti, perché per tracciare la via del futuro lavoro e, soprattutto, per farla comprendere a chi guarda al PD con grande attenzione, non abbiamo bisogno oggi di 280 pagine, che sono il segno della ricerca esasperata di un compromesso, ma di pochi punti chiari, netti e identificabili.

Il Partito del saper fare
Dalle personalità alle persone e alle loro capacità e risorse. Il PD come Partito Nuovo chiamato a cambiare anche le liturgie di una certa politica spesso più tesa a conservare che a innovare, e ad essere una moderna forza riformista e maggioritaria, dovrà fare scelte coraggiose nella selezione del suo personale politico e nel metodo di lavoro quotidiano.
• Il merito come criterio di selezione della futura classe dirigente del PD, non come metodo “darwiniano” di scelta, ma come capacità di coniugare la rappresentatività di generi, generazioni, territori, esperienze di vita con riferimenti culturali, capacità e competenza. Insomma, in grado di farsi partito-società e accogliere la “cittadinanza attiva” nel suo stesso DNA.
• La formazione alla politica per tutti coloro che vorranno svolgere un ruolo a livello locale e regionale assumendo su di sé le responsabilità del governo e, prima ancora, della rappresentanza di interessi generali. Non una scuola di partito ma un percorso di formazione tra la gente e per la gente, che metta a valore le competenze e i saperi più riconosciuti per costruire politiche innovative partendo dall’ascolto dei bisogni, dall’analisi dei problemi, dalla sintesi delle soluzioni, dalla conoscenza delle migliori pratiche di governo realizzate nella nostra Regione e nel Paese.
• Le “sezioni” tra la gente e per la gente, aperte al territorio e luogo in cui insieme al confronto e alle discussioni politiche, i cittadini possano trovare informazioni, assistenza e aiuto per affrontare le diverse situazioni che spesso diventano problematiche poiché manca un consiglio, un orientamento. Sezioni nelle quali le nuove generazioni possa crescere a un’idea alta e altra della politica, che si ascolto e servizio più vicina alla vita delle persone. Il PD nasce anche per questo.

Il PD, dunque, dovrà essere il Partito che accoglie ed esalta le risorse umane presenti e militanti, comprese quelle delle organizzazioni del terzo settore e della cittadinanza attiva, dando loro l’opportunità per contare ed esprimere in un gioco collettivo il proprio sapere e saper fare.

Il Partito delle persone e dei lori diritti
Il PD dovrà essere il Partito della universalità dei diritti e delle pari opportunità nell’accesso al lavoro, ai servizi, al benessere delle persone e delle famiglie, all’istruzione, al sapere e alle conoscenze, alla casa, a contesti di vita di qualità sul piano urbanistico e ambientale.
La Puglia si è dotata solo un anno fa di una delle leggi più avanzate in Italia in materia di servizi per l’inclusione sociale, la dignità e il benessere delle persone, ed ha profondamente innovato la propria programmazione strategica in materia ambientale, urbanistica, dei trasporti, dell’innovazione.
Ma all’affermazione di principi e valori importanti, e alla costruzione di politiche di intervento assai innovative per il contesto regionale, occorrerà assicurare migliori capacità di governo e organizzative da parte degli Enti Locali, con investimenti più decisi nelle professionalità, tali da renderle capaci di qualificare i servizi e di cambiare radicalmente l’approccio al cittadino.
Occorrerà il coraggio di assumere scelte di campo sulle risorse pubbliche e private da allocare sulla costruzione di livelli essenziali di prestazioni. Che non sono servizi minimi, nella qualità e nella quantità, da assicurare ai più sfortunati, ma target di servizi e prestazioni cui tutti i cittadini devono poter accedere a condizioni differenziate in relazione alle rispettive capacità economiche e alle condizioni di vita.
La scuola, la casa, le cure sanitarie, la mobilità, la formazione per il lavoro, i servizi di conciliazione, il vivere in un ambiente sano e salubre, lo sviluppo di nuove imprese in contesti produttivi attrezzati: sono questi i nuovi diritti da riconoscere.
Il PD dovrà lavorare per la realizzazione della universalità di tali diritti, oggi troppo spesso negati e causa di esclusione sociale, di condanna a situazioni di povertà, quando non di devianza e di violenza.
Non ha diritto alla scuola il figlio di immigrati cui non viene assicurato l’apporto di un mediatore linguistico e interculturale, né il ragazzo diversamente abile se non vi sono abbastanza risorse per la sua integrazione scolastica.
Non ha diritto alle cure sanitarie, spesso essenziali pur se non urgenti, un cittadino neocomunitario, rumeno o polacco, che pure le strade della vita hanno portato a lavorare in tante zone della nostra Puglia, accettando lavori duri e spesso al limite della umana sopportazione.
Né ha diritto ad una vita dignitosa chi viene lasciato in mano a caporali senza scrupoli dal silenzio colpevole della società.
Oggi non ha diritto alla mobilità una donna che sceglie di essere madre, un anziano, un diversamente abile, se le strade delle nostre città sono pensate per le auto e non per le persone, se i nostri quartieri non sono a misura di bambino, se i mezzi di trasporto sono poco accessibili.
Così come perde il diritto al lavoro una donna che sceglie di avere un figlio se nel suo Comune mancano servizi per la prima infanzia.
Quali diritti ha un anziano solo e non autosufficiente se il territorio è povero di servizi sociali e sanitari domiciliari e di prossimità e se l’unica alternativa a un Natale o a una estate di solitudine diventa il ricovero in una struttura sanitaria?
E a quanti giovani neghiamo il futuro se non gli forniamo una formazione di qualità, e se le occasioni di lavoro sono a tempo sempre più breve, così precarie da rendere il reddito che genera non solo instabile ma incapace di assicurare persino la sottoscrizione di un mutuo per la casa?
In Puglia, come in tante parti del nostro Paese, non si è poveri perché il “destino” ha deciso questo, ma perché si nasce in un contesto che è povero di servizi, che è devastato dalla competizione sociale, che è più capace di tollerare piuttosto che integrare e includere il diverso, che di fronte ad un disagio assume un atteggiamento paternalistico o pietistico.
Ma non è sui favori o sulla compassione che possiamo costruire le politiche di benessere, bensì assicurando diritti, opportunità, strumenti che attivino le proprie risorse, poche o molte che siano.
Occorre ricostruire anche in Puglia un patto forte tra istituzioni e cittadini, un patto in forza del quale la fiducia dei cittadini può e deve crescere nei confronti dei governi regionale e locali, capace di corrispondere ai bisogni e ai diritti delle persone e delle famiglie con servizi, infrastrutture, formazione.
Non  promettendo meno tasse per tutti che ridurremo l’ingiustizia sociale che anima le nostre città, ma rendendo visibili i frutti di ogni euro di tassa pagata. Se sempre più mamme avranno un asilo nido per i loro figli; e se non ci saranno differenze tra l’asilo nido comunale e quello privato; se si ridurranno i viaggi della speranza per avere cure adeguate grazie ad una sanità regionale moderna e all’altezza di una Puglia che cresce e diventa più ricca non solo perché il suo PIL cresce ma anche perché migliorano le condizioni di vita dei suoi cittadini; se l’acqua non sarà più la chimera dei mesi estivi in tanta parte di Puglia; e se l’arrivo di un treno puntuale non sarà più un’eccezione fortunata, ma il diritto di tutti i pendolari; se muoversi in bicicletta in una città non sarà lo sport estremo di pochi appassionati.
Se, dunque, il PD lavorerà per questo, solo allora avremo cittadini disposti ad avvicinarsi alla politica, perché la politica sana sarà entrata nella vita di ciascuno di loro.

Il Partito dei servizi ai cittadini e per la crescita della Puglia
La Puglia ha già intrapreso negli ultimi due anni una strada decisa di innovazione e di cambiamento, a partire dalla realizzazione di reti di servizi moderne e diffuse. Ma tutto ciò non basta. La sfida del cambiamento in favore di sfere sempre più ampie di cittadini e cittadine dovrà continuare e accentuarsi. In specie in direzione di:
- una mobilità accessibile, sostenibile, integrata per le città pugliesi e i medi e piccoli comuni, pensata in funzione delle esigenze dei cittadini e capace di connettere le persone ai servizi. Perché solo così, costruendo una rete di infrastrutture ferroviarie, viarie e aeroportuali, si potranno vincere le sterili dispute di campanile e connettere la Puglia al Mediterraneo, ai Balcani e al resto dell’Europa;
- una rete di servizi “nuovi” per le persone e le famiglie per la capacità di combinare professionalità ed efficienza economica, qualità e prossimità alle situazioni di bisogno con l’esigibilità dei diritti sociali costituzionalmente riconosciuti e con la compartecipazione al costo delle prestazioni. Una rete di servizi che abbia al centro l’inclusione sociale, la prevenzione del disagio, l’integrazione di culture diverse, la tutela dei diritti di tutti nel rispetto dei diversi progetti di vita di ciascuno, il contrasto delle nuove povertà, la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro;
- servizi sanitari vicini ai cittadini e capillarmente presenti sul territorio con una rete distrettuale di prestazioni sanitarie e sociosanitarie di qualità: per affrontare la gran parte delle patologie, promuovere corretti stili di vita e tutelare la salute collettiva, a partire dai luoghi di lavoro. E, in uno, prestazioni ospedaliere di eccellenza che possano essere un riferimento per tutti i pugliesi. Il governo regionale di centro sinistra deve molto per la nascita alle attese elevate dei cittadini pugliesi sul versante della sanità: spetterà a tutti noi il compito di fornire un contributo importante in termini di coraggio nelle scelte e di chiarezza nella visione complessiva di sistema sanitario che vogliamo costruire;
- servizi sociosanitari integrati e azioni positive nei luoghi di lavoro, capaci di promuovere e tutelare la salute delle donne e di valorizzare e supportare il “percorso-nascita”. Perché l’unica assicurazione per il futuro della Puglia, che ha la il più basso tasso di natalità in Italia e uno dei più alti tassi in termini di aborti, è rappresentata da consultori materno – infantili, da dotare con risorse finanziarie e servizi in grado di accompagnare le donne e le coppie nella formazione del ruolo genitoriale, monitorare lo stato di salute delle donne, di tutte le donne, anche di quelle immigrate e dei loro bambini, e intervenire con una corretta educazione, informazione e assistenza sanitaria, psicologica e sociale. Ciò, anche coinvolgendo nello sforzo e promovendo il ruolo sociale delle imprese e delle loro realtà produttive, in modo da conciliare il lavoro delle donne e le loro carriere con l’allattamento al seno, l’educazione e la crescita dei bambini;
- approcci moderni alla progettazione degli spazi urbani quali luoghi di vita e non praterie su cui allestire dormitori, luoghi in cui si forma e cresce l’identità individuale e collettiva, e si tessono le relazioni sociali giuste per promuovere solidarietà tra generazioni, integrazione culturale, mobilità sociale. Una città non è mai, né potrebbe esserlo, un luogo neutro. Per questo occorre sostenere investimenti coraggiosi per la rigenerazione urbana delle periferie come dei centri storici, dei piccoli e dei grandi comuni, in modo che gli spazi vengano pensati in funzione delle persone e dei loro diritti, e le competenze urbanistiche, sociali, ambientali, trasportistiche si integrino in un progetto unico di città come spazio di vita e luogo di identità. Il PD dovrà battersi per tutto questo, dando alla Puglia l’opportunità di non avere più barriere architettoniche ma piste ciclabili, non più quartieri dormitorio ma spazi verdi e servizi, luoghi di aggregazione, infrastrutture sociali e di servizio moderne;
- servizi di istruzione e per la formazione come veicolo di mobilitˆ sociale, perchè capaci di connettere l’educazione e la formazione dei giovani e delle donne alle opportunità di accesso al mondo del lavoro, ma anche di dare nuove chance di inserimento sociale a chi ha lasciato il suo paese d’origine o a chi ha fatto degli errori e cerca per davvero e con convinzione la strada del riscatto sociale. In uno, occorrerà continuare a coltivare, rafforzandola, l’idea di una Puglia “regione del Mondo”. Che forma i suoi migliori talenti, offre loro l’opportunità di confrontarsi con altre esperienze e li accoglie nuovamente per innestare competenze preziose nel suo sistema produttivo, culturale, sociale. Una terra capace di lasciar andare ma una terra di ritorno, capace di offrire opportunità reali di affermazione ai suoi figli. Una Regione moderna, che connette i più importanti investimenti produttivi con quelli nelle risorse umane e nei servizi, tali da consentire condizioni di vita attrattive almeno quanto solide prospettive di lavoro.

Il Partito dei saperi, delle nuove tecnologie, dell’innovazione
La sfida della crescita economica e della sostenibilità ambientale dell’organizzazione della vita delle nostre comunità, e perfino della vita quotidiana delle singole famiglie, dovrà misurarsi con coraggio con le nuove tecnologie se vorrà ridurre i rischi per l’ambiente, accrescere la produttività delle imprese coniugandola con la qualità della vita, preservare le risorse naturali per un futuro che è già presente con le sue manifestazioni climatiche, le crisi idriche ed energetiche, il collasso del sistema di raccolta dei rifiuti.
Il PD dovrà lavorare anche in Puglia perché non nascano nuove discriminazioni e nuove barriere sociali e generazionali fondate sulle diverse opportunità di accesso ai saperi, alle nuove tecnologie, alle informazioni.
E dovrà lavorare perché le nuove tecnologie non siano affare per pochi ma risorse per tutti. Alcune idee:
- la diffusione dell’energia solare anche per la copertura del fabbisogno domestico e di quello dei piccoli e grandi impianti produttivi;
- la gestione del ciclo dei rifiuti con inderogabili divieti ma anche con proposte moderne e qualificate per ridurre il peso e gli oneri dello smaltimento e introdurre elementi di civiltà e possibilità di gestione economica della “risorsa-rifiuti” con la raccolta differenziata e la valorizzazione energetica pulita;
- l’offerta di servizi di mobilità capaci per flessibilità, qualità ed efficienza di costituire una valida alternativa alla mobilità privata per il risparmio energetico e per la riduzione di emissioni sempre più inquinanti l’ambiente urbano;
- la diffusione capillare in tutte le famiglie di dotazioni informatiche e collegamenti telematici veloci, per declinare concretamente il principio di accessibilità per tutti alle informazioni e alle conoscenze, che è anche opportunità di accesso ai servizi e di esercizio reale dei diritti di ciascuno.

Quelli appena richiamati sono solo alcuni degli impegni su cui il PD al fianco del governo regionale dovrà continuare a lavorare per rendere migliore questa Regione: più democratica, solidale, ricca, attraente.

Il Partito della cultura, dell’arte, della memoria e dell’identità
La Puglia è ricca di bellissime intelligenze e di importanti uomini e donne che producono arte e cultura. Anche a loro il PD dovrà guardare se vorrà costruire un contesto sempre più fecondo e ricco per tutti coloro che delle tradizioni, delle manifestazioni culturali, dei siti di interesse storico-architettonico e delle opere d’arte possono giovarsi, cogliendo il valore di progetti, programmi e idee per la cultura pugliese e promuovendo investimenti che diano continuità alle esperienze migliori. Lo slogan “un paese, un teatro” potrà diventare una grande opportunità e insieme una sfida per chi governa i contesti locali e si ponga l’obiettivo di dare ad ogni comunità un luogo di aggregazione, scambio generazionale e culturale, produzione artistica, creatività.
Il PD a cui pensiamo dovrà essere un Partito che, attraverso le azioni di governo, vorrà legare in un contesto organico le più significative esperienze presenti nel territorio regionale per farne un grande marchio di qualità accanto ai nostri monumenti, alla nostra cultura, alla nostra identità. Un partito che sappia dare un segnale chiaro sulla qualità dei nostri produttori d’arte attraverso la creazione di una rete di opportunità, finanziamenti, veicoli promozionali, per farne un biglietto da visita decisivo della Puglia nel mondo.

Il Partito delle “idee giovani”
Un PD che guardi al futuro è un partito delle “idee giovani”. Idee giovani perché coraggiose ed anche radicali, se è radicale promuovere cambiamento nell’interesse di molti e non di pochi, ed essere aperti e disponibili rispetto alla creatività di tanti ragazzi e ragazze a cui così poco spazio la politica ha lasciato fino ad oggi.
Un Partito nuovo capace di dare prova quotidiana di saperle accogliere, di saperne fare sintesi e azioni di governo del territorio, buone pratiche.
Un PD che non crei illusioni e non deluda le attese, soprattutto dei giovani e di tutte quelle persone che coltivano la speranza che c’è una politica capace di essere il volano delle nostre comunità locali e non perde il senso degli interessi generali.


9 settembre 2007


Boccia, Prodi alla Fiera del Levante conferma che il Sud è strategico per la Terza Rivoluzione Industriale

«Un discorso di grande rilevanza sotto il profilo economico e anche politico»: questo il commento di Francesco Boccia, capo del Dipartimento per lo sviluppo delle economie territoriali della Presidenza del Consiglio al discorso con cui il premier, Romano Prodi, ha inaugurato, ieri, la 71ma edizione della Fiera del Levante di Bari (nella foto, Prodi con il presidente della Fiera Cosimo Lacirignola, il presidente della Regione Puglia Nichi Vendola e il sindaco di Bari Michele Emiliano).
«La svolta a mio avviso fondamentale della linea dettata dal presidente -sostiene Boccia- è che occorre fare piazza pulita dell'autarchia. Il Sud insomma deve smettere non solo di piangersi addosso, ma anche di considerarsi un mondo a parte.
Va colta la grande sfida sulle Energie Rinnovabili. Il Sud e la Puglia possono diventare il motore della terza rivoluzione industriale, basata sulle energie pulite. Fotovoltaico, eolico, solare termico, biomasse e biogas troveranno ingenti risorse per risiedere stabilmente nei prossimi decenni nella progettazione e nella produzione proprio al sud.
Noi meridionali viviamo nel mondo globale e col mondo globale dobbiamo fare i conti. Vince chi produce di più e meglio; vince chi sa rompere con le vecchie liturgie, vince chi sa creare occasioni di serenità sociale. Chi ritiene che il problema della sicurezza non tocchi anche lo sviluppo economico della nostra società, non ha capito niente».


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. partito democratico puglia romano prodi

permalink | inviato da pdfoggia il 9/9/2007 alle 10:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


8 settembre 2007


Michele Emiliano stasera a San Severo

Stasera, alla Festa dell’Unità di San Severo, è in programma alle ore 18 presso lo Spazio dibattiti nella Villa comunale un incontro sulle primarie del 14 ottobre. Interverranno Dino Marino, consigliere regionale, Michele Mazzarano, segretario regionale dei Democratici di Sinistra, Michele Emiliano (nella foto), sindaco di Bari. Emiliano è il candidato a segretario regionale del nascente Partito Democratico sostenuto anche dai DS di San Severo.
La pioggia di questi giorni ha spinto a prolungare la Festa fino a domenica 16 settembre. Il convegno di giovedì sera su “I tempi di conciliazione” è stato rinviato a sabato 15 settembre con inizio sempre alle ore 19.


7 settembre 2007


Presto il Regolamento unitario per i garanti: ribadito che il voto del 14 ottobre non significa automatica iscrizione al Pd

Composizione e compiti dei garanti e loro funzionamento, forma e pubblicità delle decisioni, non candidabilità dei componenti dei Collegi stessi alle elezioni del 14 ottobre. Sono questi i punti cardini della bozza di regolamento unitario di funzionamento, prevista nel Regolamento quadro e preparata dal Collegio nazionale dei Garanti per le primarie del Partito Democratico e dai rappresentanti dei Collegi regionali riunitisi oggi presso la sede di piazza SS. Apostoli in Roma. Era presente anche Michele Galante (nella foto), componente del Comitato “14 Ottobre” della provincia di Foggia e componente del Collegio pugliese dei Garanti
Il regolamento dovrà poi essere vagliato ed approvato dall’Ufficio di presidenza. I Collegi dei Garanti, come disciplinato dallo stesso Regolamento quadro, decadranno al momento dell’insediamento delle rispettive Assemblee Costituenti.
Durante la riunione, si è inoltre ribadito - come previsto dall’articolo 1 comma 2 del Regolamento – che il requisito per il diritto di voto il 14 ottobre è la dichiarazione «di voler partecipare al processo costituente». Dichiarazione che non comporta l’iscrizione al Partito Democratico, né potrebbe essere diversamente, in quanto spetta all’Assemblea Costituente, che sarà eletta in tale consultazione, definire lo Statuto del nuovo partito e le modalità di adesione.


6 settembre 2007


Marzano scrive a D’Alema

Salvatore Marzano (nella foto) è il rettore del Politecnico di Bari e coordina il Comitato pugliese per Walter Veltroni. Ieri ha scritto una lettera a Massimo D’Alema, chiedendo al ministro degli Esteri un impegno diretto alle primarie di domenica 14 ottobre. Ecco il testo.

Caro D’Alema, le chiedo un impegno in prima persona

di SALVATORE MARZANO *

Caro Ministro D’Alema,
credo di doverle scrivere poche righe per sollecitare la sua candidatura in Puglia in occasione delle prossime elezioni primarie del nascente Partito democratico. Il Pd, infatti, si propone come un soggetto politico in grado di accogliere al proprio interno la pluralità delle istanze provenienti dalle diverse realtà territoriali, attraverso le personalità che queste ultime sapranno esprimere nelle Assemblee Costituenti Nazionali e Regionali. E credo di interpretare un sentimento largamente diffuso nel chiederle un impegno in prima persona e a sostegno della Puglia e del suo processo di costruzione di un’identità intorno al Pd, come autorevole personalità politica nello scenario italiano e internazionale, e illustre conterraneo da sempre impegnato e interessato ai nostri sentieri di sviluppo. La nostra regione, con la sua ricchezza di idee e di risorse spesso frammentate, rappresenta la prova tangibile ed evidente della necessità di una forte convergenza di obiettivi e di azioni, di una visione dunque condivisa, in grado di orientare gli sforzi profusi dai singoli soggetti. E penso alle imprese leader presenti in numerosi settori, ai centri di ricerca internazionali, ai grandi poli universitari, ai parchi tecnologici, alle banche, o anche ai settori dei servizi, del commercio e delle professioni sicuramente dinamici: un tessuto produttivo in espansione dunque, che fa della nostra regione una delle più competitive del Mezzogiorno.
Il nascente Partito democratico, con i suoi solidi propositi di Partito di Governo, ha una responsabilità storica per cui deve mostrare da subito la propria efficienza: riuscire a far confluire nel proprio processo costituente tutte le energie attive del nostro paese e delle nostre regioni; elaborare un progetto culturale e politico in grado di esprimere la ricchezza delle nostre tradizioni politiche riformiste e delle organizzazioni partitiche che ne sono state interpreti; valorizzare e consolidare il presente ma senza rinunciare ad affrontare la sfida più grande e avvincente, ossia quella dell’innovazione, del cambiamento sociale, della prospettiva di crescita senza timori e senza incertezze verso il futuro. In definitiva affrontare «una nuova stagione» con la serenità e la convinzione che è in atto un cambiamento che coinvolge, appassiona e riguarda tutti, e che non può prescindere da presenza incisive e significative come la Sua, in grado di garantire ulteriore credibilità e autorevolezza al dibattito che attraversa la Puglia in questa fase.
Allo stesso tempo – e qui esprimo la mia condivisione con quanto scritto da Franco Cassano – va garantito il valore del «pluralismo» che rimanda ad un’altra sfida concreta che il Pd deve da subito dimostrare di saper affrontare e per cui mi sento direttamente coinvolto nel ruolo di “garante” che mi è stato affidato: evidenziare quel patrimonio di differenze sociali, culturali, di genere e generazionali che caratterizzano i nostri territori, già nelle forme di partecipazione previste per le elezioni Primarie che avranno luogo il prossimo 14 ottobre.
L’auspicio che Veltroni ha rivolto a noi Presidenti dei Comitati Regionali e ai Segretari di Partito dei Ds e della Margherita, e cioè che si possa garantire il massimo della rappresentatività e della qualità già in fase di presentazione delle Liste, è qualcosa che sento non solo di condividere sul piano del metodo, ma anche e soprattutto dei principi che evidentemente questo nuovo soggetto politico non teme da subito di voler affrontare.
La sida più appassionante di questa nuova strada intrapresa sta appunto nella capacità di produrre cambiamento sin dal pirnicipio, senza negare i conflitti che sono intrinsecamente alla base di un sistema democratico vivace e vitale che vuole mostrarsi da subito consapevole, ma senza mai perdere di vista l’unità necessaria a consolidare una visione che altrimenti rischierebbe di rimanere inespressa.
* Presidente del Comitato pugliese per Walter Veltroni

sfoglia     settembre       
 
rubriche
DOCUMENTI
SEGNALAZIONI
DALLE 64 CITTA'
COMITATO "14 OTTOBRE" DELLA PROVINCIA DI FOGGIA
NOTIZIE
PARLAMENTI
I CANDIDATI NEI 6 COLLEGI FOGGIANI

cose
Ultime cose

Il mio profilo
da vedere
PICCOLO VADEMECUM
Ulivo - Verso il Partito Democratico
Democratici di Sinistra
La Margherita
La Margherita di Puglia
Democratici di Sinistra di Puglia
Democratici di Sinistra di Foggia
Walter Veltroni
Rosy Bindi
Enrico Letta
Mario Adinolfi
PierGiorgio Gawronski
Sinistra Ecologista
Libertà e Giustizia
Cittadini per l'Ulivo
Associazione per il Partito Democratico
Il sito delle primarie
Ecologisti per l'Ulivo
Italia di Mezzo
Alleanza dei Riformisti
Progetto Sardegna
Partito Democratico Meridionale
Le Democratiche
Centro Formazione Politica
cerca
me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom