.
Annunci online

comitato14ottobredellaprovinciadifoggia [ www.pdfoggia.it ]
 



11 settembre 2007


Regolamento di funzionamento dei Collegi dei Garanti

Regolamento di funzionamento dei Collegi dei Garanti
Approvato dall'Ufficio di Presidenza del Comitato 14 ottobre in data 10/09/07

Art. 1 (Ambito di applicazione)
1. Il presente regolamento detta le norme generali di funzionamento per i Collegi dei Garanti per il 14 ottobre costituiti a livello nazionale e nelle singole regioni (di seguito, “Collegi dei Garanti”) in vista delle elezioni delle Assemblee costituenti e dei Segretari nazionale e regionali del Partito Democratico (“Elezioni”). A tal fine, le province autonome di Trento e Bolzano sono equiparate alle regioni e costituiscono circoscrizioni autonome.
2. Il presente regolamento si applica altresì al Collegio dei garanti nominato sulla base di quanto previsto dal Regolamento per il voto all’estero, che è equiparato ai Collegi regionali dei garanti ai fini del presente regolamento.
3. Per le regioni con più circoscrizioni elettorali è previsto un unico Collegio regionale dei Garanti che svolge le proprie funzioni in relazione a tutte le circoscrizioni della regione.

Art. 2 (Composizione e compiti)
1. I Collegi dei Garanti sono costituiti dai componenti nominati dall’Ufficio di Presidenza del Comitato promotore 14 ottobre ai sensi dell’art. 3, comma 2 del Regolamento quadro per l’elezione delle Assemblee costituenti dell’Ulivo-Partito Democratico (“Regolamento quadro”) nonché sulla base del Regolamento per il voto all’estero.
2. I Collegi dei garanti svolgono i compiti e si attengono a quanto previsto dal Regolamento quadro, dal presente regolamento e dal regolamento di autodisciplina della campagna elettorale, oltre che alle altre disposizioni che regolano lo svolgimento delle Elezioni.
3. Il Collegio nazionale è competente in unica istanza per l’ammissione delle candidature a Segretario nazionale nonché per quelle inerenti la relativa elezione in applicazione dell’art. 14 del Regolamento quadro, ferma restando la competenza dei Collegi regionali ad esaminare in prima istanza le questioni relative all’elezione dei singoli candidati all’Assemblea costituente nazionale. I Collegi regionali sono competenti in unica istanza per le questioni relative all’elezione dei segretari e delle assemblee regionali.
4. Avverso le decisioni dei Collegi regionali inerenti l’ammissione delle liste di candidati all’Assemblea costituente nazionale nonché per quelle relative al risultato delle relative votazioni è possibile ricorrere al Collegio nazionale, il quale decide in via definitiva.
5. Nel caso in cui una questione sottoposta all’esame di un Collegio regionale attenga a questioni aventi rilievo nazionale ovvero all’interpretazione di disposizioni per le quali è necessario garantire un’applicazione uniforme a livello nazionale, il Collegio regionale può decidere di sottoporre la questione al Collegio nazionale, che trasmette il proprio avviso al Collegio regionale richiedente entro le successive 48 ore. In tal caso, i termini per la decisione del Collegio regionale si intendono sospesi fino al ricevimento dell’avviso del Collegio nazionale.

Art. 3 (Presidente del Collegio)
1. Il Presidente convoca e presiede le riunioni del rispettivo Collegio. In caso di sua assenza, il ruolo del Presidente viene svolto dal componente più anziano di età.
2. Il Presidente del Collegio Nazionale è nominato dall’Ufficio di Presidenza del Comitato promotore 14 ottobre.
3. L’incarico di Presidente dei Collegio regionale è svolto dal componente più anziano d’età.

Art. 4 (Riunioni e deliberazioni dei Collegi)
1. Salvo casi di urgenza, le riunioni debbono essere convocate almeno due giorni prima della data di svolgimento, anche mediante posta elettronica o sms.
2. Le riunioni sono valide con la presenza di almeno la metà dei componenti del Collegio.
3. Le decisioni sono valide se assunte a maggioranza dei presenti alla riunione. In caso di parità, prevale il voto del Presidente o del suo sostituto in caso di assenza.
4. Le deliberazioni sono sottoscritte da tutti i componenti che hanno preso parte alla decisione e vengono depositate presso il luogo ove ha sede il Collegio entro il termine eventualmente previsto per la decisione. Del deposito viene data immediata comunicazione al ricorrente o al suo rappresentante legale.
5. Delle riunioni dei Collegi è redatto apposito verbale a cura di chi svolge le funzioni di segretario.
6. I Collegi decidono autonomamente eventuali ulteriori forme di pubblicità per le decisioni adottate.

Art. 5 (Segnalazioni, reclami e ricorsi)
1. Chiunque partecipi alle Elezioni nella veste di elettore o candidato ovvero -nella fase antecedente alle Elezioni- chiunque dichiari di voler aderire alla fase costituente del Partito Democratico, può presentare segnalazioni, reclami o ricorsi (di seguito, sinteticamente per tutti, “Ricorsi”) al Collegio dei Garanti competente, in relazione a presunte violazioni del Regolamento quadro o delle disposizioni approvate in attuazione dello stesso.
2. I Ricorsi sono redatti per iscritto in modo quanto più possibile circostanziato, indicando puntualmente le disposizioni che si ritengono violate. Ad essi è allegata tutta la documentazione eventualmente ritenuta utile al fine di comprovarne i contenuti. Gli stessi sono sottoscritti da chi li ha presentati ovvero da un suo rappresentate legale, sulla base di apposita delega, e sono sempre corredati dalla copia di un documento di riconoscimento del sottoscrittore.
3. I Ricorsi devono pervenire, a pena di inammissibilità, entro la data prevista per la loro presentazione presso il luogo ove ha sede il Collegio dei garanti competente, nel rispetto dei relativi orari di apertura. La persona che li riceve rilascia nelle mani del soggetto che li consegna apposita ricevuta con indicazione della data e dell’orario di presentazione.
4. Il Collegio dei garanti, prima di procedere all’esame del merito dei ricorsi, ne valuta dapprima l’ammissibilità.
5. Il Collegio può invitare, anche per le vie brevi, i soggetti interessati a rendere note -anche oralmente- eventuali osservazioni o a produrre la documentazione ritenuta utile.

Art. 6 (Incompatibilità)
1. I componenti del Collegi dei Garanti non possono presentare la propria candidatura né sottoscrivere la candidatura di terzi a Segretario nazionale o regionale ovvero a componente delle Assemblee costituenti nazionale o regionale, in vista delle Elezioni.

Art. 7 (Scioglimento dei Collegi dei Garanti)
1. Il Collegio nazionale ed i Collegi regionali cessano la propria attività e si considerano sciolti con l’insediamento della Assemblea costituente del Partito Democratico, rispettivamente nazionale o della corrispondente regione, salvo che per lo svolgimento delle funzioni e degli adempimenti strettamente necessari e conseguenti alla propria attività, sulla base di quanto previsto dal Regolamento quadro e dai regolamenti emanati sulla base di esso, ivi compreso il controllo sui rendiconti delle spese sostenute dai candidati e la presentazione della relativa relazione ai sensi dell’art. 5, del regolamento di autodisciplina della campagna elettorale.
2. Il Presidente del Collegio regionale presiede la prima seduta della relativa Assemblea costituente regionale fino all’elezione del presidente ad opera dell’Assemblea medesima, ai sensi dell’art. 2, comma 2 del Regolamento quadro. I componenti dei Collegi dei garanti sono invitati alla corrispondente Assemblea costituente, e vi partecipano senza diritto di voto.

Art. 8 (Disposizione finale)
1. Le disposizioni del presente regolamento prevalgono su quelle eventualmente incompatibili previste degli altri regolamenti approvati sulla base del Regolamento quadro, le quali sono conseguentemente modificate a cura degli organi competenti.


21 agosto 2007


Come andò alla "Primaria" del 16 ottobre 2005 in Puglia e in provincia di Foggia




permalink | inviato da pdfoggia il 21/8/2007 alle 16:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


7 agosto 2007


Regolamento di autodisciplina della campagna elettorale

Regolamento di autodisciplina della campagna elettorale
Elezione delle Assemblee Costituenti e dei Segretari del Partito Democratico
14 ottobre 2007


Articolo 1. (Ambito di applicazione)
1. Il presente regolamento disciplina la campagna elettorale relativa all’elezione dell’Assemblea nazionale, delle Assemblee regionali, del Segretario nazionale e dei Segretari regionali del Partito Democratico, programmate per il 14 ottobre 2007 (di seguito “Elezioni”), in applicazione di quanto previsto dal Regolamento quadro approvato l’11 luglio 2007 dal Comitato Promotore 14 ottobre (di seguito, “Regolamento quadro”) ed in particolare dei relativi articoli 8 e 9.

Articolo 2. (Propaganda organizzata ad opera degli organismi del Partito Democratico)
1. L'Ufficio di Presidenza nonché, sulla base delle indicazioni eventualmente da esso emanate, i Comitati regionali e provinciali di cui all’art 3 del Regolamento quadro, promuovono ogni iniziativa ritenuta opportuna al fine di pubblicizzare e rendere noto lo svolgimento delle Elezioni, nonché le relative modalità di partecipazione.
2. A partire dal ventesimo giorno antecedente lo svolgimento delle Elezioni, gli organi di cui al comma 1 promuovono assemblee ed altre iniziative pubbliche nel corso delle quali ha luogo un confronto, a parità di condizioni, tra i candidati, i rappresentanti delle liste o i loro delegati.
3. Iniziative analoghe possono essere promosse tramite l’utilizzo delle reti di comunicazione telematica nonché con ogni altro mezzo non espressamente vietato dal presente regolamento.
4. Le iniziative di cui al presente articolo e i materiali diffusi nell’ambito di esse non devono contenere indicazioni di voto per singole liste o candidati. A tali iniziative non si applicano le limitazioni previste dagli articoli seguenti per la campagna elettorale dei singoli candidati o liste.

Articolo 3. (Norme generali relative alla campagna elettorale dei candidati)
1. Ogni candidato è tenuto a svolgere la propria campagna elettorale con lealtà nei confronti degli altri candidati, evitando ogni azione che possa ledere la dignità di questi ultimi oltre che l’immagine del Partito Democratico.
2. Le iniziative dei candidati devono essere anche volte a favorire la più ampia partecipazione alle elezioni delle Assemblee Costituenti nazionale e regionali nonché dei Segretari dei diversi livelli istituzionali.

Articolo 4. (Contenimento dei costi e mezzi di propaganda consentiti)
1. La campagna elettorale dei candidati e delle liste è improntata a criteri di sobrietà. Al fine di contenere i relativi costi non è in ogni caso ammessa, da parte delle liste e dei candidati la pubblicazione a pagamento di messaggi pubblicitari o di propaganda elettorale su mezzi radiotelevisivi, testate giornalistiche o altri organi di stampa e informazione.
2. È consentito rendere pubblici e diffondere, attraverso manifesti o mezzi di informazione a diffusione regionale o locale, annunci di dibattiti, tavole rotonde, conferenze, o altri interventi di singoli candidati.
3. È ammessa l’affissione in luoghi pubblici di manifesti diretti a promuovere la candidatura o le iniziative di singoli o liste purché negli spazi e con le modalità previste dalla normativa vigente.
4. La propaganda elettorale attraverso siti web o altri mezzi di comunicazione elettronica ovvero la stampa di materiale informativo è sempre consentita, nel rispetto della normativa generale applicabile.
5. A tutti i mezzi di propaganda di cui al presente regolamento si applicano in ogni caso i limiti previsti dalla normativa vigente in materia di propaganda elettorale per l’elezione della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica, nonché le disposizioni poste a tutela dei dati personali e della vita privata delle persone.

Articolo 5. (Limiti di spesa)
1. Le spese della campagna elettorale di ciascun candidato alla carica di segretario nazionale non possono superare l'importo di duecentocinquantamila euro, quelle relative alla carica di segretario regionale, cinquantamila euro, quelle relative ai componenti dell’assemblea costituente, cinquemila euro. I contributi o i servizi erogati da ciascuna persona fisica o persona giuridica non possono superare l'importo o il valore di diecimila euro. Il limite è elevato a venticinquemila euro per i candidati alla carica di segretario nazionale.
2. Per spese relative alla campagna elettorale si intendono quelle relative:
a. alla produzione, all'acquisto o all'affitto di materiali e di mezzi per la propaganda;
b. alla distribuzione e diffusione dei materiali e dei mezzi di cui alla lettera a), compresa l'acquisizione di spazi sugli organi di informazione, sulle radio e televisioni private, nei cinema e nei teatri;
c. all'organizzazione di manifestazioni di propaganda, in luoghi pubblici o aperti al pubblico, anche di carattere sociale, culturale e sportivo;
d. al personale utilizzato e ad ogni prestazione o servizio inerente alla campagna elettorale.
3. Le spese relative ai locali per le sedi elettorali, quelle di viaggio e soggiorno, telefoniche e postali, nonché gli oneri passivi, sono calcolati in misura forfetaria, in percentuale fissa del 30 per cento dell'ammontare complessivo delle spese ammissibili e documentate.
4. Le spese per la propaganda elettorale direttamente riferibili al candidato, anche quelle relative al contributo di sostenitori esterni, sono computate, ai fini del limite di spesa di cui al comma 1, tra le spese del singolo candidato. Tali spese debbono essere quantificate nella dichiarazione di cui al comma 4 e la relativa documentazione deve essere conservata a cura dell’interessato o di un suo delegato per almeno tre mesi successivi allo svolgimento delle Elezioni ai fini dell’effettuazione dei relativi controlli.
5. Entro il 15 ottobre 2007, tutti i candidati trasmettono al Collegio dei Garanti della propria circoscrizione, personalmente o tramite un proprio mandatario, una dichiarazione contenente un rendiconto relativo ai contributi e servizi ricevuti ed alle spese sostenute. Vanno analiticamente riportati, attraverso l'indicazione nominativa, anche mediante attestazione del solo candidato, i contributi e servizi provenienti da persone fisiche e giuridiche, di valore superiore a mille euro. Tale limite è elevato a tremila euro per i candidati alla carica di segretario regionale e cinquemila euro per i candidati alla carica di segretario nazionale. Vanno inoltre allegati gli estratti dei conti correnti bancario ed eventualmente postale utilizzati. Il Collegio cura la pubblicità delle dichiarazioni, anche mediante la pubblicazione sulla rete web, garantendo comunque modalità che ne consentano la consultazione da chiunque ne faccia richiesta.
6. Il Collegio dei Garanti competente per territorio controlla le dichiarazioni di cui all’articolo 5, rendendo pubblica una relazione entro il 15 dicembre 2007. Ciascun candidato è tenuto, senza ritardo, a mostrare o consegnare copia della documentazione di cui al comma 1 al Collegio dei Garanti competente, qualora questo ne faccia richiesta.

Articolo 6. (Presentazione delle segnalazioni per violazione del regolamento)
1. L’Ufficio di Presidenza, i Comitati promotori regionali e provinciali, gli Uffici tecnico-amministrativi nazionale e locali vigilano sul corretto svolgimento della campagna elettorale nonché sul rispetto del presente regolamento, e segnalano prontamente al Collegio dei Garanti competente ogni eventuale violazione eventualmente proponendo le misure ritenute necessarie a far cessare la violazione ed a consentire il corretto proseguimento della campagna elettorale.
2. Ciascun candidato alle Elezioni o, nella fase antecedente a queste, ciascun cittadino che dichiari di voler aderire alla fase costituente del Partito Democratico, può presentare una segnalazione al Collegio dei Garanti competente, in relazione a presunte violazioni del presente regolamento. La segnalazione è redatta per iscritto in modo quanto più possibile circostanziato e ad essa è allegata tutta la documentazione eventualmente ritenuta utile al fine di comprovarne i contenuti nonché una copia di un documento di riconoscimento di chi effettua la segnalazione.
3. Le segnalazioni relative alla campagna elettorale dei candidati alla carica di segretario nazionale sono presentati al Collegio nazionale dei Garanti. Quelle riguardanti la campagna elettorale dei candidati alla carica di segretario regionale sono presentate al Collegio circoscrizionale dei Garanti del capoluogo della Regione o della Provincia autonoma. Tutte le altre segnalazioni sono presentate al Collegio circoscrizionale dei Garanti competente per territorio.

Articolo 7. (Esame delle segnalazioni e misure sanzionatorie)
1. Il Collegio dei garanti, una volta investito della segnalazione, invita, anche per le vie brevi, i soggetti interessati a rendere note, anche oralmente, eventuali osservazioni o a produrre la documentazione ritenuta utile. Una volta acquisite tutte le informazioni considerate opportune, e comunque entro cinque giorni dal ricevimento della segnalazione, si pronuncia sulla stessa. Nell’ultima settimana prima delle Elezioni, nonché per le segnalazioni presentate ai sensi dell’art. 6, comma 1, il termine per assumere la decisione è ridotto a quarantotto ore.
2. Il Collegio, accertata la violazione, può prescrivere agli interessati le misure ritenute necessarie al fine di far cessare il comportamento scorretto e di ristabilire la parità di condizioni fra i candidati e le liste, eventualmente prescrivendo comportamenti riparatori a favore dei soggetti danneggiati. Nel formulare le prescrizioni di cui al precedente periodo, il Collegio dei garanti fissa altresì il termine per l’adozione delle misure medesime e può prescrivere che, in caso di mancata adozione delle misure impartite, i candidati o le liste ai quali è attribuibile la violazione, siano esclusi dalle Elezioni e dichiarati decaduti nel caso siano stati eletti.
3. Nel caso in cui il Collegio dei Garanti si pronunci per l’esclusione o la decadenza di un candidato o di una lista, gli interessati possono presentare ricorso al Collegio nazionale dei Garanti, che si pronuncia nei termini di cui al comma 1. Il ricorso al Collegio nazionale dei Garanti è altresì consentito per tutte le questioni attinenti alla campagna elettorale dei candidati alla carica di segretario regionale.
4. Le riunioni del Collegio di Garanti sono valide con la presenza di almeno la metà dei componenti e le decisioni sono assunte a maggioranza dei presenti. In caso di parità, prevale il voto del presidente. In caso di assenza di questo, del più componente più anziano per età, che assume la presidenza.
5. Della riunione o delle riunioni nelle quali sono esaminate le segnalazioni presentate ai sensi del presente articolo è redatto un verbale nel quale si dà conto, anche in forma succinta, degli elementi esaminati e delle motivazioni poste alla base della decisione assunta.
6. Le decisioni assunte nonché i relativi verbali di cui al comma 5 sono portate a conoscenza degli interessati e rese disponibili attraverso la loro pubblicazione sul sito www.ulivo.it nonché sugli altri siti web eventualmente attivati in sede locale dai Comitati regionali o provinciali. Nell’ambito delle misure di cui al comma 2, il Collegio dei garanti può altresì prescrivere ulteriori forme di pubblicità per la decisione assunta dal Collegio dei Garanti, da porre a carico dei soggetti ai quali è attribuibile la violazione.


4 agosto 2007


Scadenzario delle assemblee costituenti del Partito Democratico

Questo è l'elenco dei principali adempimenti del processo costituente del Partito Democratico.

Mercoledì 12 settembre
Termine entro il quale presentare le dichiarazioni di candidatura alla carica di Segretario Regionale, corredate da una dichiarazione di intenti e da un numero di firme compreso tra 500 e 750 per le Regioni fino a un milione di abitanti e tra 1.000 e 1.500 per le Regioni con popolazione superiore a un milione di abitanti.

Venerdì 21 settembre - Sabato 22 settembre
Giorni per la presentazione delle liste per l’elezione dell’Assemblea Nazionale.
Giorni per la presentazione delle liste per l’elezione delle Assemblee regionali.
Le liste per l’elezione dell’Assemblea Nazionale devono essere plurinominali, con alternanza di genere. Le liste devono comprendere un numero di candidati non superiore al numero dei componenti da eleggere nei relativi collegi e non inferiore ai due terzi. Nessuno può candidarsi in più di un collegio. La lista indica un candidato Segretario nazionale. Il collegamento nella circoscrizione può avvenire con una dichiarazione di intenti. Non più della metà di liste collegate può avere come capolista persone dello stesso genere. Una lista di collegio deve essere corredata da un numero di firme compreso tra 100 e 150.
Per ogni collegio le liste per l’elezione delle Assemblee regionali devono essere plurinominali, con alternanza di genere e composte da un numero di componenti pari al doppio di quello previsto per l’elezione dell’Assemblea Nazionale.

Domenica 23 settembre - Sabato 13 ottobre
Giorni di svolgimento della campagna elettorale. Il Collegio nazionale dei Garanti predispone un Regolamento di autodisciplina della campagna elettorale idoneo ad assicurare condizioni di parità fra i candidati. Nel Regolamento sono altresì disciplinate le modalità con le quali è possibile rendere pubblici e diffondere gli annunci di dibattiti, tavole rotonde, conferenze, nonché discorsi svolti dai candidati. L’Ufficio di Presidenza promuove assemblee ed iniziative pubbliche nel corso delle quali ha luogo un confronto tra i candidati o i loro delegati a parità di condizioni.

Domenica 14 Ottobre
Elezione dei componenti dell’Assemblea costituente nazionale e, in collegamento con essi, del Segretario politico nazionale del Partito Democraatico.
Elezione dei componenti delle Assemblee regionali e, in collegamento con essi, dei Segretari regionali del partito.
Le operazioni di voto si svolgono in un’unica giornata dalle ore 7 alle ore 20. Per essere ammessi al voto occorre esibire al seggio un documento di identificazione e, ad eccezione dei non ancora maggiorenni e dei non cittadini italiani, la propria tessera elettorale.
È necessario che l’elettore dia espresso consenso a che il proprio nominativo ed i propri recapiti siano inseriti nell’elenco dei partecipanti alla votazione ed a che l’elenco stesso sia reso consultabile per ogni eventuale verifica relativa all’effettiva partecipazione al voto, nel rispetto della normativa sulla tutela dei dati personali.

Sabato 27 ottobre
Prima riunione dell’Assemblea Nazionale, convocata dal Presidente Romano Prodi.

Martedì 13 novembre
Termine ultimo per l’insediamento delle Assemblee Regionali, convocate dal Presidente Romano Prodi.

Lunedì 31 dicembre
Termine ultimo per l’elezione delle Assemblee provinciali e dei Segretari provinciali.




permalink | inviato da pdfoggia il 4/8/2007 alle 2:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


4 agosto 2007


Elezioni del 14 ottobre, il numero di componenti da eleggere nei sei collegi foggiani

Le elezioni del 14 ottobre sono organizzate per collegi sulla base della suddivisione che valeva per le Elezioni per la Camera dei Deputati del 2001. Nella provincia di Foggia, i collegi saranno 6. Di seguito l’elenco delle città raggruppate per collegio e i componenti dell’Assemblea nazionale e dell’Assemblea regionale da eleggere.

SAN SEVERO
Apricena, Chieuti, Lesina, Poggio Imperiale, San Paolo di Civitate, San Severo, Serracapriola, Torremaggiore
Componenti nazionali: 4
Componenti regionali: 9

SAN GIOVANNI ROTONDO
Cagnano Varano, Carpino, Ischitella, Peschici, Rignano Garganico, Rodi Garganico, San Giovanni Rotondo, San Marco in Lamis, San Nicandro Garganico, Vico del Gargano, Vieste
Componenti nazionali: 4
Componenti regionali: 7

FOGGIA-LUCERA
Alberona, Biccari, Bovino, Carlantino, Casalnuovo Monterotaro, Casalvecchio di Puglia, Castelluccio Valmaggiore, Castelnuovo della Daunia, Celenza Valfortore, Celle di San Vito, Faeto, Foggia (32 sezioni), Lucera, Motta Montecorvino, Orsara di Puglia, Panni, Pietramontecorvino, Roseto Valfortore, San Marco la Catola, Troia, Volturara Appula, Volturino
Componenti nazionali: 4
Componenti regionali: 7

FOGGIA-CENTRO
Componenti nazionali: 4
Componenti regionali: 9

CERIGNOLA
Accadia, Anzano di Puglia, Ascoli Satriano, Candela, Carapelle, Castelluccio dei Sauri, Cerignola, Deliceto, Monteleone di Puglia, Ordona, Orta Nova, Rocchetta Sant’Antonio, Sant’Agata di Puglia, Stornara, Stornarella
Componenti nazionali: 5
Componenti regionali: 9

MANFREDONIA
Isole Tremiti, Manfredonia, Margherita di Savoia, Mattinata, Monte Sant’Angelo, San Ferdinando di Puglia, Trinitapoli, Zapponeta
Componenti nazionali: 5
Componenti regionali: 11


4 agosto 2007


Regolamento quadro per l’elezione delle Assemblee Costituenti dell’Ulivo-Partito Democratico

Articolo 1 (Indizione dell’elezione e titolari dell’elettorato attivo e passivo)
1. È indetta per il 14 ottobre 2007 l’elezione dei componenti della Assemblea costituente nazionale e, in collegamento con essi, del Segretario politico nazionale del partito democratico. È inoltre indetta, per quella stessa data, l’elezione dei componenti delle Assemblee regionali e, in collegamento con essi, dei segretari regionali del partito. Nella Regione Trentino Alto Adige si eleggono i componenti delle assemblee provinciali di Trento e Bolzano e i relativi segretari provinciali; le due assemblee provinciali costituiscono insieme l’Assemblea regionale che elegge il proprio coordinatore, eventualmente anche prevedendo la turnazione in tale incarico fra i due segretari provinciali.
2. Possono partecipare in qualità di elettori e di candidati tutte le cittadine ed i cittadini italiani che al 14 ottobre abbiano compiuto sedici anni nonché, con i medesimi requisiti di età, le cittadine e i cittadini dell’Unione europea residenti, le cittadine e i cittadini di altri Paesi in possesso di permesso di soggiorno, i quali al momento del voto dichiarino di voler partecipare al processo costituente del Partito Democratico e devolvano un contributo minimo di € 5,00, ridotto a 2 € per le elettrici e gli elettori che non ancora compiuto venticinque anni.
3. Con successivo Regolamento vengono stabilite le modalità di elezione delle Assemblee provinciali e dei Segretari provinciali, da tenersi entro il 31 dicembre 2007.

Articolo 2 (Funzioni degli organi da eleggere)
1. L’Assemblea Nazionale, convocata da Romano Prodi che ne assume la Presidenza, si riunisce per la prima seduta il 27 ottobre 2007. Essa approva il Manifesto e lo Statuto nazionale del Partito, ed assolve ad ogni altra funzione attribuitale dalle norme transitorie e finali dello Statuto.
2. La prima seduta delle Assemblee costituenti regionali è convocata da Romano Prodi entro 30 giorni dallo svolgimento delle elezioni ed è presieduta dal Presidente del collegio circoscrizionale dei garanti; nelle Regioni con più circoscrizioni la presidenza della prima seduta è affidata al Presidente del collegio dei garanti della circoscrizione del capoluogo di regione. L’Assemblea come primo adempimento procede all’elezione del proprio presidente tra i propri componenti a scrutinio segreto; nel caso in cui nessun candidato abbia conseguito nella prima votazione la maggioranza dei componenti si procede immediatamente a una seconda votazione, sempre a scrutinio segreto, di ballottaggio tra i due candidati più votati in cui risulta eletto il candidato col maggior numero di voti. Nel rispetto dei principi stabiliti dallo Statuto nazionale, tali Assemblee approvano il rispettivo Statuto regionale, ed assolvono ad ogni altra funzione attribuita loro dalle norme transitorie e finali degli Statuti nazionale e regionale.
3. L’Assemblea costituente approva le ulteriori disposizioni dirette a disciplinare, anche nella fase transitoria, le modalità di funzionamento degli organi, ivi compresi i poteri sostitutivi e sussidiari, nonché i casi di revoca e di surroga.

Articolo 3 (Comitati promotori e Ufficio di Presidenza)
1. Il Comitato Promotore 14 Ottobre nomina l’Ufficio di Presidenza dell’elezione.
2. L’Ufficio di Presidenza: a) nomina i componenti del Collegio nazionale e dei Collegi circoscrizionali dei Garanti, scelti fra personalità autorevoli e imparziali e, tra questi, i Presidenti dei Collegi stessi; b) nomina i componenti dell’Ufficio tecnico-amministrativo e, tra questi, il Direttore; c) nomina i membri dell’Ufficio di Tesoreria e, tra questi, il Tesoriere; d) riconosce i Comitati regionali e provinciali costituiti localmente; e) approva gli ulteriori regolamenti necessari allo svolgimento dell’elezione, ad eccezione di quelli di cui agli articoli successivi.
3. Il Comitato promotore nazionale e i Comitati promotori regionali e provinciali, così come i Collegi dei garanti e gli uffici di cui al successivo articolo 4, hanno il fine di promuovere e garantire lo svolgimento della consultazione elettorale del livello istituzionale corrispondente e si considerano sciolti al momento dell’insediamento delle relative Assemblee.

Articolo 4 (Garanti)
1. I Collegi dei Garanti decidono sulle controversie sorte in fase di applicazione delle norme contenute nel presente regolamento-quadro e nei Regolamenti di cui all’articolo precedente e vigilano, ciascuno per l’ambito territoriale di propria competenza, sul corretto e imparziale svolgimento dell’elezione.
2. Gli eventuali reclami o ricorsi possono essere presentati da ciascuno dei partecipanti alla votazione al Collegio dei garanti della circoscrizione di residenza.
3. I reclami e i ricorsi relativi alla presentazione delle candidature devono essere presentati entro due giorni dalla decisione sulla loro ammissibilità.
4. I reclami e i ricorsi relativi alle operazioni di voto e alla proclamazione dei risultati devono essere presentanti entro le 48 ore successive.
5. I Garanti si pronunciano sulle questioni di cui al comma 4 entro le 24 ore successive.

Articolo 5 (Uffici tecnici)
1. L’Ufficio tecnico-amministrativo cura l’attuazione del presente regolamento e lo svolgimento dell’elezione, a partire dalla predisposizione dei moduli e dalla definizione delle modalità di presentazione delle candidature. Entro quindici giorni dalla nomina dei suoi componenti, predispone i regolamenti necessari a specificare le procedure operative per la gestione delle operazioni di voto.
2. Il Direttore è responsabile del coordinamento organizzativo delle attività di voto.
3. Il Responsabile della comunicazione dell’Ulivo promuove e coordina le attività finalizzate a informare i cittadini e sollecitare la partecipazione al voto.
4. L’Ufficio di Tesoreria è responsabile per la gestione finanziaria delle attività connesse con lo svolgimento dell’elezione.
5. L'ufficio tecnico-amministrativo decide le proprie modalità di articolazione a livello territoriale .

Articolo 6 (Ripartizione dei seggi per l’Assemblea costituente nazionale tra le circoscrizioni ed i collegi)
1. Per la ripartizione dei seggi della Assemblea Nazionale, si fa riferimento ai collegi e alle circoscrizioni di cui alla legge 4 agosto 1993, n. 277. Milleduecento seggi vengono distribuiti tra le circoscrizioni in proporzione al numero di residenti e milleduecento seggi in proporzione al numero dei voti conseguiti dall’Ulivo nelle elezioni del 2006 per la Camera dei deputati, in entrambi i casi sulla base del metodo dei quozienti interi e dei più alti resti.
2. I seggi così assegnati a ciascuna circoscrizione vengono ripartiti tra i collegi in proporzione ai voti conseguiti dall’Ulivo nelle elezioni del 2006 per la Camera dei deputati sulla base del metodo dei quozienti interi e dei più alti resti. Qualora uno o più collegi abbiano ottenuto con tale metodo meno di tre seggi, ne ottengono tre. Si procede quindi nuovamente alla ripartizione di tutti i seggi tra gli altri collegi, sempre in proporzione ai voti conseguiti dall’Ulivo nelle elezioni del 2006 per la Camera dei deputati sulla base del metodo dei quozienti interi e più alti resti, reiterando eventualmente il computo fino a che tutti i collegi ottengano un minimo di tre seggi. Nelle circoscrizioni delle Regioni Valle d’Aosta e Trentino-Alto Adige la ripartizione dei seggi nei collegi è stabilita con successivo Regolamento. Un ulteriore seggio è assegnato ai collegi in cui abbia partecipato al voto un numero di persone pari a più del 20 per cento dei voti ottenuti dall’Ulivo nelle elezioni per la camera dei deputati del 2006.
3. Gli italiani residenti all’estero eleggono 60 rappresentanti. La ripartizione dei candidati nelle diverse circoscrizioni e le modalità di svolgimento della campagna elettorale e di voto sono regolate con apposito regolamento da approvare dall’Ufficio di Presidenza su proposta di un gruppo di coordinamento da questo appositamente nominato.

Articolo 7 (Candidature)
1. Le liste per l'elezione dell’Assemblea Nazionale devono comprendere un numero di candidati non superiore al numero dei componenti da eleggere nei relativi collegi e non inferiore ai due terzi, con arrotondamento all'unità superiore qualora il numero dei candidati da comprendere nella lista contenga una cifra decimale superiore a 50. A pena di inammissibilità, le liste devono essere composte alternando candidati di sesso diverso. A pena di inammissibilità, se il numero di liste tra loro collegate in ambito circoscrizionale è pari, non più della metà di tali liste possono avere come capolista persone dello stesso sesso; se il numero di liste tra loro collegate in ambito circoscrizionale è dispari, la differenza di numero tra capilista di sesso diverso non può essere superiore a una unità.
2. Le candidature nei collegi sono presentate all’Ufficio tecnico amministrativo territorialmente competente. Le candidature all’Assemblea nazionale devono essere corredate dalle sottoscrizioni di almeno cento e non più di centocinquanta aventi diritto nei rispettivi collegi, autenticate da almeno un consigliere comunale, provinciale o circoscrizionale. Nessuno può sottoscrivere più di una lista.
3. Nessuno può candidarsi in più di un collegio per l’elezione dell’Assemblea nazionale.
4. Non è ammessa la candidatura di persone notoriamente appartenenti a forze politiche o ad ispirazioni ideali non riconducibili al progetto dell’Ulivo-Partito Democratico.
5. Non è ammessa la candidatura di persone che , alla data di presentazione delle candidature, si trovino in una delle situazioni previste dall’art. 1 del codice di autoregolamentazione approvato dalla Commissione parlamentare d’inchiesta sul fenomeno della criminalità organizzata mafiosa o similare il 3 aprile 2007.
6. Le candidature per l’Assemblea costituente nazionale sono valide solo se accompagnate dai seguenti documenti sottoscritti:
a) dichiarazione di accettazione della candidatura con un ordine delle candidature;
b) dichiarazione di adesione al processo costituente del Partito Democratico;
c) nome o slogan identificativo della lista;
d) dichiarazione politica avente riguardo agli intenti che la lista si propone in relazione ai compiti dell’Assemblea costituente;
e) indicazione di un referente circoscrizionale della lista, corredata dalla corrispondente dichiarazione di accettazione del ruolo di referente da parte di quest’ultimo;
f) eventuale dichiarazione di collegamento con liste di candidati presentate in altri collegi della medesima circoscrizione identificate dalla medesima denominazione, dalla medesima dichiarazione di intenti e dal medesimo referente circoscrizionale;
g) indicazione della persona che la lista sostiene come candidato alla carica di Segretario Nazionale, corredata dalla corrispondente dichiarazione di accettazione da parte di quest’ultimo;
h) autocertificazione che non ricorrano per nessuno dei candidati inclusi nella lista le condizioni di inammissibilità di cui al precedente comma 5.
7. Le liste per l’Assemblea Costituente devono essere presentate, a pena di nullità, tra il 21 e il 22 settembre 2007.
8. Le dichiarazioni di candidatura alla carica di Segretario Nazionale sono presentate all’Ufficio tecnico amministrativo nazionale entro il 30 luglio 2007 8unitamente a una dichiarazione di intenti e a un numero di firme compreso tra duemila e tremila, di cui almeno cento in ognuna di cinque regioni. Le dichiarazioni di candidatura sono accettate se corredate, entro i termini previsti per la presentazione delle liste, da dichiarazioni di cui al comma 6, lettera g), relative a liste presentate in almeno 25 diversi collegi presenti in non meno di 5 differenti regioni.
9. Nel caso in cui una candidatura alla carica di Segretario Nazionale sia stata dichiarata invalida, il referente circoscrizionale della lista che lo aveva indicato ai sensi della lettera g) del comma 6 può, entro i 5 giorni successivi al termine di cui al comma 9, indicare il nome di un ulteriore candidato alla carica di Segretario Nazionale, scelto fra i soggetti che abbiano regolarmente presentato la propria candidatura ai sensi del precedente comma 8 e corredata dall’accettazione dell’interessato. In caso di mancata accettazione la lista decade.
10. L'eventuale mendace autocertificazione di cui al precedente comma 6, lettera h), costituisce causa di ineleggibilità. In caso di elezione l’accertamento della mendace dichiarazione comporta l’immediata decadenza da qualsiasi carica del partito e la trasmissione degli atti all’autorità giudiziaria per il reato di falsità ideologica in atti privati (art. 485 c.p.) nonché la revoca di tutti i componenti della stessa lista di collegio alla quale appartiene il candidato.

Articolo 8 (Confronto tra i candidati)
1. L'Ufficio di Presidenza promuove assemblee ed iniziative pubbliche nel corso delle quali ha luogo un confronto tra i candidati o i loro delegati a parità di condizioni. Tali assemblee si svolgono nei 20 giorni antecedenti la data di svolgimento dell’elezione. Iniziative analoghe possono essere promosse anche tramite l’utilizzo delle reti di comunicazione telematica.

Articolo 9 (Disciplina della campagna elettorale)
1. Al fine di contenere i costi della campagna elettorale in vista delle elezioni di cui al presente regolamento, non è in ogni caso ammessa la pubblicazione a pagamento di messaggi pubblicitari o di propaganda elettorale su mezzi radiotelevisivi, testate giornalistiche o altri organi di stampa e informazione.
2. Fermo restando quanto previsto dal comma 1, il Collegio nazionale dei Garanti, entro quindici giorni dalla nomina dei suoi componenti, predispone un regolamento di autodisciplina della campagna elettorale, idoneo ad assicurare condizioni di parità fra i candidati, con riferimento anche all’entità massima, alle modalità e alla documentazione delle spese.
3. Nel regolamento di cui al comma 2 sono altresì disciplinate le modalità con le quali è possibile rendere pubblici e diffondere gli annunci di dibattiti, tavole rotonde, conferenze, nonché discorsi svolti dai candidati.
4. Agli eventuali reclami relativi all’applicazione del presente articolo si applicano le procedure di cui ai ricorsi previsti dall’art. 4 del presente regolamento. Per le questioni riguardanti la campagna elettorale dei candidati alla carica di Segretario Nazionale è competente il Collegio nazionale dei garanti.
5. Le limitazioni di cui al comma 1 non si applicano alle attività di comunicazione eventualmente promosse unitariamente dal Comitato promotore 14 ottobre al fine di far conoscere ai cittadini le iniziative legate alla costituzione del Partito Democratico.

Articolo 10 (Voto)
1. Per essere ammessi al voto, che si svolge in unica giornata dalle ore 7 alle ore 20, occorre esibire al seggio un documento di identificazione e, ad eccezione dei non ancora maggiorenni e dei non cittadini, la propria tessera elettorale.
2. L’Ufficio tecnico-amministrativo determina le modalità di voto per i non ancora maggiorenni e i non cittadini.
3. L’Ufficio Tecnico-amministrativo determina le modalità con le quali gli studenti universitari fuorisede e i lavoratori fuorisede sono ammessi a votare rispettivamente nella loro sede universitaria o di lavoro.
4. È necessario inoltre dare espresso consenso a che il proprio nominativo ed i propri recapiti siano inseriti nell’elenco dei partecipanti alla votazione ed a che l’elenco stesso sia reso consultabile per ogni eventuale verifica relativa all’effettiva partecipazione al voto, nel rispetto della normativa sulla tutela dei dati personali.

Articolo 11 (Procedimento elettorale)
1. Entro quindici giorni dall’approvazione del presente Regolamento l'Ufficio di Presidenza, sentito il parere dell’Ufficio tecnico-amministrativo, nomina i responsabili del procedimento elettorale per ogni circoscrizione. Il Collegio circoscrizionale dei Garanti, qualora riscontri irregolarità o elementi di turbativa nello svolgimento del procedimento, può, di sua iniziativa, revocare il mandato conferito, surrogando contestualmente il responsabile revocato.
2. In ciascun comune è costituito almeno un seggio per lo svolgimento delle elezioni ed almeno un seggio aggiuntivo per ogni diecimila voti validi ricevuti nel 2006 dall’Ulivo. Di ogni seggio, viene definito e pubblicato su apposita sezione del sito web www.ulivo.it l’ambito territoriale, facendo riferimento alle circoscrizioni amministrative, ove esistenti, o alle vie e piazze in esso ricomprese, in modo da garantirne l’omogeneità complessiva.
3. I responsabili del procedimento nominano gli scrutatori per ciascun seggio e coordinano le attività necessarie a garantire il corretto svolgimento della consultazione. Un seggio è validamente costituito se formato da almeno 3 componenti, di cui uno con funzioni di Presidente.
4. Le schede di voto, in formato cartaceo o informatico, sono predisposte a cura dell’Ufficio tecnico-amministrativo. Le schede contengono una colonna per ciascuna lista, all’interno della quale sono presenti, nell’ordine, dall’alto in basso, i nominativi dei candidati di collegio, preceduti dal candidato alla carica di Segretario nazionale sostenuto dalla lista.
5. Gli elettori possono esprimere un unico voto in un’unica colonna di ciascuna scheda. Il voto si considera valido in qualsiasi punto della colonna sia stato apposto un segno. Sono considerate non valide le schede che presentino segni di votazione che ricadono all’interno di due o più colonne.
6. Lo scrutinio inizia subito dopo il voto dell’ultimo elettore presente nel seggio al momento della chiusura. Si procede prima allo scrutinio delle schede per l’elezione dell’Assemblea costituente nazionale e, subito dopo, allo scrutinio delle schede per l’elezione dell’Assemblea regionale.

Articolo 12 (Assegnazione alle liste dei seggi per l’Assemblea costituente nazionale)
1. Dopo aver ricevuto le schede e i fogli riepilogativi dello spoglio dei voti relativi all’elezione dell’Assemblea costituente nazionale avvenuto in ciascun collegio, l'Ufficio elettorale circoscrizionale procede al riparto dei seggi assegnati a ciascun collegio in base alla cifra elettorale di ciascuna lista. A tal fine, divide il totale delle cifre elettorali di tutte le liste per il numero dei seggi assegnati al collegio più due, ottenendo così il quoziente elettorale di collegio; nell'effettuare la divisione trascura la eventuale parte frazionaria del quoziente. Attribuisce quindi ad ogni lista tanti seggi quante volte il quoziente elettorale risulti contenuto nella cifra elettorale di ciascuna lista. Se, con il quoziente calcolato come sopra, il numero dei seggi da attribuire in complesso alle liste superi quello dei seggi assegnati al collegio, le operazioni si ripetono con un nuovo quoziente ottenuto diminuendo di una unità il divisore.
2. I seggi che rimangono non assegnati vengono attribuiti al collegio unico circoscrizionale.
3. L'Ufficio elettorale circoscrizionale identifica quindi i gruppi di liste tra loro collegate ai sensi dell’art. 8, comma 6, lettera f) che abbiano ottenuto nel complesso più del 5% dei voti validamente espressi in ambito circoscrizionale. Con riferimento soltanto a tali gruppi di liste, computa la cifra elettorale circoscrizionale, pari alla somma dei voti residuati alle rispettive liste di collegio, a seguito della assegnazione dei seggi in base al precedente comma 1.
4. L'Ufficio elettorale circoscrizionale procede quindi alla assegnazione tra i gruppi di liste di cui al comma precedente dei seggi non ancora assegnati. A tal fine procede al riparto sulla base del metodo di cui al comma 1.
5. I seggi spettanti a ciascun gruppo di liste vengono assegnati alle liste appartenenti al gruppo che abbiano la frazione residuata del quoziente più alta. Qualora tutti i suoi candidati siano stati eletti, i seggi spettanti vengono assegnati alle altre liste del gruppo secondo l’ordine dei rispettivi quozienti.
6. Il presidente dell'Ufficio centrale circoscrizionale, in conformità dei risultati accertati dall'Ufficio stesso, proclama eletti, nei limiti dei posti ai quali ciascuna lista ha diritto, i candidati in essa presenti seguendo l’ordine della lista stessa.

Articolo 13 (Elezione dell’Assemblea Regionale)
1. Per l’elezione dell’Assemblea regionale e per l’indicazione dei Segretari regionali, ovvero nel Trentino Alto Adige per l’elezione delle Assemblee provinciali e dei Segretari provinciali, si applicano, in quanto compatibili, le norme previste per l’Assemblea Nazionale.
2. L’elezione dei componenti delle Assemblee costituenti e dei Segretari regionali avviene su una scheda composta in maniera simile a come indicato all’articolo 11, comma 4, ma distinta dalla scheda per l’elezione dell’Assemblea e del Segretario nazionali. Le dichiarazioni di candidatura alla carica di segretario regionale sono presentate all’ufficio tecnico amministrativo regionale entro il 12 settembre 2007 unitamente a una dichiarazione d’intenti e a un numero di firme compreso tra 500 e 750 per le Regioni fino a un milione di abitanti e tra 1000 e 1500 per le Regioni con popolazione superiore a un milione di abitanti. Per quanto non previsto dal presente articolo, ai fini della presentazione delle candidature, si applicano, in quanto compatibili, le norme previste all’articolo 7; ai fini dell’assegnazione dei seggi alle liste si applica il metodo indicato all’articolo 12.
3. Il numero dei componenti della Assemblea regionale è pari al doppio di quelli da eleggere per l’assemblea Nazionale nella regione. La ripartizione dei seggi tra i collegi avviene in base al metodo indicato all’articolo 6, comma 2, avendo cura di attribuire a ciascun collegio un minimo di 6 seggi.
4. Sono componenti con diritto di parola dell’Assemblea costituente regionale gli eletti all’Assemblea costituente nazionale nella regione.

Articolo 14 (Elezione del Segretario politico nazionale)
1. Qualora sia stata eletta una maggioranza assoluta di componenti l’Assemblea a sostegno di un candidato Segretario, il Presidente dell’Assemblea costituente nazionale lo proclama eletto all’apertura della prima seduta dell’Assemblea stessa; in caso contrario il Presidente indice in quella stessa seduta un ballottaggio a scrutinio segreto tra i due candidati collegati al maggior numero di componenti l’Assemblea e proclama eletto Segretario il candidato che ha ricevuto il maggior numero di voti validamente espressi.

Articolo 15 (Elezione dei segretari regionali)
1. Qualora vi sia, tra i componenti eletti all’Assemblea costituente regionale ai sensi del precedente articolo 13, una maggioranza assoluta di componenti eletti a sostegno di un candidato segretario regionale, il Presidente dell’Assemblea lo proclama eletto all’apertura della prima seduta dell’Assemblea stessa; in caso contrario il Presidente indice in quella stessa seduta un ballottaggio a scrutinio segreto tra i due candidati collegati al maggior numero di componenti l’Assemblea eletti ai sensi del precedente articolo 13 e proclama coordinatore regionale il candidato che ha ricevuto il maggior numero di voti validamente espressi.

Articolo 16 (Regole sulla trasparenza)
1. Il presente regolamento, unitamente a tutti i regolamenti integrativi previsti dagli articoli precedenti, è pubblicato in apposita sezione del sito web www.ulivo.it
2. Nella sezione del sito web di cui al comma 1, sono altresì pubblicati, via via che si procede alla loro determinazione, costituzione o individuazione, i nomi dei componenti gli organi di cui al presente regolamento nonché il recapito presso cui è possibile indirizzare comunicazioni dirette agli organi medesimi, l’elenco dei candidati, l’elenco dei componenti i seggi elettorali ed ogni altro dato o documento identificato dal Collegio nazionale dei garanti di cui all’art. 3 e all’art. 4.
3. Il Collegio dei Garanti di cui all’art. 3 e all’art. 4 definisce le ulteriori disposizioni dirette a garantire la trasparenza e la pubblicità delle procedure dirette all’elezione delle assemblee costituenti nazionale e locali.

sfoglia     agosto       
 
rubriche
DOCUMENTI
SEGNALAZIONI
DALLE 64 CITTA'
COMITATO "14 OTTOBRE" DELLA PROVINCIA DI FOGGIA
NOTIZIE
PARLAMENTI
I CANDIDATI NEI 6 COLLEGI FOGGIANI

cose
Ultime cose

Il mio profilo
da vedere
PICCOLO VADEMECUM
Ulivo - Verso il Partito Democratico
Democratici di Sinistra
La Margherita
La Margherita di Puglia
Democratici di Sinistra di Puglia
Democratici di Sinistra di Foggia
Walter Veltroni
Rosy Bindi
Enrico Letta
Mario Adinolfi
PierGiorgio Gawronski
Sinistra Ecologista
Libertà e Giustizia
Cittadini per l'Ulivo
Associazione per il Partito Democratico
Il sito delle primarie
Ecologisti per l'Ulivo
Italia di Mezzo
Alleanza dei Riformisti
Progetto Sardegna
Partito Democratico Meridionale
Le Democratiche
Centro Formazione Politica
cerca
me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom