Blog: http://comitato14ottobredellaprovinciadifoggia.ilcannocchiale.it

Morti bianche, Colomba Mongiello: «Applicare subito le nuove norme»

«L’approvazione definitiva anche da parte della Camera della legge che interviene sulle tutele e la sicurezza del lavoro è un importante passo in avanti che dovrebbe tagliare e ridurre l’odioso fenomeno degli infortuni sul lavoro e delle morti bianche». Lo ha sostenuto la senatrice ulivista, Colomba Mongiello, componente della Commissione Lavoro e Commissione Infortuni e morti bianche a Palazzo Madama, ieri, «in un giorno in cui un tragico bollettino segnala che, solo in Puglia, quattro operai hanno perso la vita. Un doloroso segnale di quanto questa legge fosse urgente e necessaria».

La parlamentare foggiana conclude con un auspicio: «Il Parlamento ha fatto in tempi brevi la sua parte, è ora importante che queste norme vengano immediatamente applicate, anche con la collaborazione delle imprese e dei lavoratori, per fermare una piaga inaccettabile in una società civile e nel pieno sviluppo».

Il disegno di legge delega sulla sicurezza e la salute nei luoghi di lavoro, approvato definitivamente mercoledì sera alla Camera, accanto ai principi di delega, introduce una serie di norme di immediata attuazione. Si prevede la modifica del sistema degli appalti pubblici al ribasso; l'indicazione dei costi per la sicurezza che deve essere espressamente indicata nei bandi di gara; le sanzioni comminate agli imprenditori che devono andare a interventi di prevenzione. Il costo relativo alla sicurezza non può essere oggetto di ribasso d’asta.
Sul fronte della lotta al lavoro nero, il testo prevede l’estensione della legge Bersani non solo ai cantieri edili, ma a tutte le attività produttive, cioè la sospensione dell’attività dell’azienda se occupa il 20% di irregolari rispetto al totale dei lavoratori, insieme all’impossibilità di partecipare a gare pubbliche. I lavoratori di imprese in appalto o subappalto, poi, devono indossare una tessera di riconoscimento con le generalità proprie e del datore di lavoro. Previsti 300 nuovi ispettori del lavoro.
Il provvedimento è stato preso su iniziativa del Governo, che ha mutuato lo schema della legge regionale approvata dalla Puglia subito dopo lo scandalo suscitato, nel settembre dell’anno scorso, dall’inchiesta giornalistica del settimanale “L’Espresso” nelle campagne foggiane.

Pubblicato il 4/8/2007 alle 2.22 nella rubrica PARLAMENTI.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web